Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina NATO Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
In aumento dell'82 per cento gli ingressi irregolari nell'Unione europea

In aumento dell'82 per cento gli ingressi irregolari nell'Unione europea

Secondo gli ultimi dati di Frontex, dall'inizio dell'invasione a febbraio oltre 5,5 milioni di cittadini ucraini (che non sono considerati irregolari) sono entrati nell'UE dall'Ucraina e dalla Moldova

Bruxelles – Tra gennaio e maggio sono stati rilevati 86.420 ingressi irregolari alle frontiere esterne dell’Unione europea, secondo calcoli preliminari di Frontex, l’agenzia europea per le frontiere. Si tratta dell’82 per cento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

A maggio Frontex ha registrato circa 23.500 attraversamenti irregolari, con un aumento del 75 punti percentuali rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

Le persone che fuggono dall’Ucraina ed entrano nell’UE attraverso i valichi di frontiera non rientrano nelle cifre degli ingressi illegali rilevati. Secondo gli ultimi dati di Frontex, dall’inizio dell’invasione a febbraio oltre 5,5 milioni di cittadini ucraini sono entrati nell’UE dall’Ucraina e dalla Moldova.

Nei primi cinque mesi del 2022 le rotte migratorie più attive verso l’UE sono state le rotte dei Balcani occidentali, del Mediterraneo centrale e del Mediterraneo orientale.

La rotta dei Balcani occidentali ha registrato 40.675 attraversamenti irregolari, ovvero la metà del numero totale registrato ai confini dell’UE. Questo è quasi tre volte la cifra dello stesso periodo dell’anno scorso. Le principali nazionalità su questa rotta includevano siriani e afgani. La maggior parte delle persone individuate si trovava già da tempo nei Balcani Occidentali prima di tentare di entrare nell’UE. A maggio, il numero di migranti irregolari individuati nella regione è più che raddoppiato, arrivando a 12.088.

I rilevamenti sulla rotta del Mediterraneo centrale sono rimasti relativamente stabili con circa 16.828 attraversamenti irregolari di frontiera, con un aumento del 15 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Le principali nazionalità rappresentate su questa rotta erano egiziane, bengalesi e tunisine. A maggio il numero dei migranti irregolari si è attestato a 6.066, più o meno in linea con il dato dello stesso mese dell’anno scorso.

Il numero di rilevamenti sulla rotta del Mediterraneo orientale ha continuato a crescere e nel periodo analizzato è stato di 13.668, con un aumento del 116 per cento rispetto allo scorso anno. I rilevamenti a Cipro sono aumentati di 213 punti percentuali e hanno rappresentato due passaggi di frontiera irregolari su tre su questa rotta. La maggior parte dei migranti proveniva da Nigeria, Siria e Congo (Kinshasa). A maggio, il numero di migranti irregolari è aumentato del 55 per cento, a 2.226.

Sul confine orientale, il numero di valichi di frontiera irregolari finora quest’anno è più che quadruplicato, arrivando a 2.155. Le principali nazionalità su questa rotta erano cittadini ucraini, iracheni e bielorussi. A maggio ci sono stati 207 rilevamenti, il 67 per cento in più rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

I deflussi in uscita su entrambe le sponde della Manica sono aumentati del 122 per cento rispetto al 2021. Sulla base dei dati storici, il periodo di punta su questa rotta va normalmente da giugno a novembre. Nel 2022 sono state registrate nella Manica oltre 46 nazionalità diverse, con un forte aumento di cittadini albanesi da metà aprile.

ARTICOLI CORRELATI