HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Il portoghese Centeno entra in carica come presidente dell'Eurogruppo
Dijsselbloem e Centeno - foto Consiglio Ue

Il portoghese Centeno entra in carica come presidente dell'Eurogruppo

Il ministro: "Dobbiamo approfondire l'Unione monetaria". Juncker: "È stato saggio scegliere un politico dell'Europa Meridionale"

Bruxelles – Mario Centeno entra in carica come nuovo presidente dell’Eurogruppo. Il ministro delle Finanze del Portogallo prenderà il posto, a partire da domani, dell’uscente Jeroen Dijsselbloem, che aveva iniziato il suo primo di due mandati nel 2013. Centeno, che è stato eletto il 4 dicembre scorso per due anni e mezzo, durante il passaggio di consegne che si è svolto a Parigi ha affermato: “Abbiamo una finestra di opportunità unica per approfondire l’unione monetaria, rendendo la nostra moneta comune più resistente alle crisi future. La nostra responsabilità è quella di produrre risultati, per soddisfare le aspettative dei cittadini”. Per farlo, ha promesso, “non risparmierò gli sforzi per raggiungere il necessario consenso”.

“La zona euro oggi è in migliore forma rispetto al 2013: la crescita è diffusa in tutti i Paesi, la disoccupazione sta calando e le finanze pubbliche sono in una situazione più equilibrate”, ha affermato passando il testimone Dijsselbloem, rivendicando che durante il suo mandato “sono stati fatti passi decisivi per rafforzare l’unione monetaria in particolare con l’unione bancaria”.

A dare il benvenuto a Centeno anche il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, che ha detto di pensare che “sia stato saggio nominare” per la guida dell’Eurogruppo “qualcuno che viene dall’Europa Meridionale, che non va confusa con il Club Méditerranée, come pensano alcuni ortodossi del Nord Europa”.

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”