HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
A Bruxelles è scontro sull'ammodernamento dei famosi chioschi delle
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

A Bruxelles è scontro sull'ammodernamento dei famosi chioschi delle "frites"

Il Consiglio comunale ha deciso di incaricare un architetto di ricostruire 10 baracchini, creando chioschi nuovi, ecologici e funzionali. L’obiettivo è sia quello di attirare turisti che di rendere felici i residenti. Ma è complicato

Bruxelles – Nonostante l’apprezzamento per le frites – le patatine fritte –  che costituiscono una ragione di orgoglio per la popolazione belga, le condizioni sgangherate in cui versano i chioschi costituiscono motivo di imbarazzo per l’amministrazione di Bruxelles, tanto da decidere di rimodernarne alcuni.

La regione della Capitale belga ha dunque deciso di incaricare un architetto – vincitore di diversi premi – per la ricostruzione di 10 baracchini (che in verità solo un paio di anni fa si erano già dovuti adeguare a nuove norme igieniche), creando chioschi nuovi, ecologici e funzionali. L’obiettivo è sia quello di attirare turisti che di rendere felici i residenti.

Tuttavia, i residenti non hanno preso bene la decisione e hanno espresso la loro contrarietà.

L’architetto Thomas Hick ha dichiarato che “all’inizio era un argomento controverso e abbiamo esitato a prendere parte alla competizione per progettarli. I chioschi sono vecchi e sgangherati ed è qualcosa che ci piace di Bruxelles. Al contrario del modo francese – i belgi sono più “rudi” nel modo in cui mangiano le frites”.

Ma poi si è deciso che “non era solo una questione architettonica, ma di funzionalità e i cartelli sono la parte più importante, quella che danno ai chioschi la loro identità”.

Non è la prima volta che i belgi insorgono contro migliorie proposte a questo pezzo della loro tradizione. Un suggerimento dello scorso anno da parte della Commissione europea secondo cui le patatine dovrebbero essere sbollentate prima di essere fritte per impedire la formazione di un composto cancerogeno è stato accolto come un crimine contro il popolo belga.

Hick ha compreso i pericoli di eccessivi cambiamenti. Ha così deciso di mantenere la forma standard delle baracche, la caratteristica tenda da sole e la di vetro sono rimaste le stesse. Le facciate, tuttavia, saranno specchiate, e la segnaletica al neon e il colore delle piastrelle interne rifletteranno l’area locale di ciascuna baracca.

I 50.000 euro previsti per la ristrutturazione lasciano spazio anche ai pannelli solari sul tetto per fornire energia, e ci sarà un sistema di raccolta della pioggia che raccoglie l’acqua in un serbatoio sul retro.

Una panchina potrà essere incorporata nella baracca, sebbene questa caratteristica abbia incontrato anche qualche resistenza. “I proprietari sono un po’ preoccupati che le persone ubriache potrebbero essere tentate di restare un po’ troppo a lungo”, ha detto Hick.

I chioschi sono di proprietà dei venditori, mentre i siti sono della città. Dopo i lavori di demolizione e di ricostruzione, le baracche saranno di proprietà della Regione e non lasceranno alcun costo aggiuntivo ai precedenti proprietari. Si spera che tutte e 10 le baracche saranno complete entro il 2019.

ARTICOLI CORRELATI