Garante privacy Ue: “Nuovo regolamento non tutela le comunicazioni on-line, si intervenga”

print mail facebook twitter single-g-share

Il garante europeo della privacy sollecita una velocizzazione dei lavori per l’adozione della riforma della direttiva ePrivacy. “Niente scuse, si deve concludere prima della fine della legislatura”

TUTTI i post di: Caterina Ristori

Visualizza altri post
LOADING
LASCIA UN TUO COMMENTO