Garante privacy Ue: “Nuovo regolamento non tutela le comunicazioni on-line, si intervenga”

print mail facebook twitter

Il garante europeo della privacy sollecita una velocizzazione dei lavori per l’adozione della riforma della direttiva ePrivacy. “Niente scuse, si deve concludere prima della fine della legislatura”

TUTTI i post di: Caterina Ristori

Visualizza altri post
LOADING
LASCIA UN TUO COMMENTO