Theresa may (di spalle) oggi in Aula a Westminster. Di fronte a lei, seduto Jeremy Corbyn, il leader laburista.

L’Accordo Brexit finalmente è morto, ma il no deal non è obbligato

print mail facebook twitter single-g-share

Londra può prendere tempo per evitare l’uscita disordinata convocando un nuovo referendum o nuove elezioni, ma c’è una terza possibilità: proporre all’Unione europea una separazione morbida. Ma serve una chiara maggioranza parlamentare entro 12 giorni

LASCIA UN TUO COMMENTO