Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Nuovi OGM, oltre 50 ONG contro i piani di Bruxelles sulle tecniche genomiche

Nuovi OGM, oltre 50 ONG contro i piani di Bruxelles sulle tecniche genomiche

Critiche all'Esecutivo comunitario accusato di andare incontro alle richieste dell'industria delle biotecnologie agrarie per deregolamentare nuovi prodotti agroalimentari geneticamente modificati, senza tener conto delle norme ambientali e di tutela dei consumatori

Critiche all'Esecutivo comunitario accusato di andare incontro alle richieste dell'industria delle biotecnologie agrarie per deregolamentare nuovi prodotti agroalimentari geneticamente modificati, senza tener conto delle norme ambientali e di tutela dei consumatori
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Biotecnologie agrarie, Commissione UE verso un nuovo quadro giuridico su tecniche genomiche
Agricoltura

Biotecnologie agrarie, Commissione UE verso un nuovo quadro giuridico su tecniche genomiche

Uno studio pubblicato dall'Esecutivo conclude che le nuove tecniche per alterare il genoma degli organismi (NGT) possono contribuire "a un sistema alimentare più sostenibile in linea con Green Deal e Farm to Fork" ma la normativa del 2001 sugli OGM non è adatta a coprirne l'applicazione. Presto una consultazione pubblica per un nuovo quadro normativo. Pioggia di critiche da ONG del bio
Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali
Agricoltura

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali

Adottata la deroga temporanea alle norme sulla rotazione delle colture e sul mantenimento di elementi non produttivi sui terreni coltivabili per aumentare la capacità produttiva dell'Ue per i cereali destinati ai prodotti alimentari. Bruxelles stima di poter riportare in produzione 1,5 milioni di ettari rispetto ad oggi, gli Stati e gli agricoltori potranno decidere se farvi ricorso