HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Patrick Zaky sarà rilasciato in attesa del processo a febbraio. Sassoli:

Patrick Zaky sarà rilasciato in attesa del processo a febbraio. Sassoli: "Ti aspettiamo"

Lo studente dell'Università di Bologna potrà lasciare il carcere dopo 22 mesi di detenzione preventiva. Benifei: "Diventi cittadino italiano subito!"

Bruxelles – “Finalmente Patrick Zaky sarà scarcerato”: David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, è il primo a reagire all’inattesa notizia arrivata questa mattina dall’Egitto. Lo studente dell’Università di Bologna, per il quale gran parte degli italiani sì è mobilitata negli ultimi questi due anni contro un’ingiustificata detenzione, finalmente potrà lasciare il carcere di Mansoura in attesa dell’assurdo processo (il prossimo febbraio) al quale è comunque destinato.

La notizia inattesa è arrivata dell’ennesima udienza svoltasi a Mansoura due mesi e mezzo dopo l’ultima, nella quale fu confermata la necessità di una carcerazione preventiva. Zaky era in aula, e c’erano anche gli amici dell’ONG Egyptian Initiative for Personal Rights, arrivati dal Cairo. C’erano anche la sorella Marise, il padre e la mamma.

Hoda Nasrallah, la sua avvocatessa, ha richiesto l’accesso al alcuni documenti dell’accusa, che il giudice ha accettato, prima di decidere la scarcerazione.

Zaky è accusato di aver diffuso via internet notizie dannose per lo Stato egiziano, di essere membro di un gruppo terroristico, e per aver scritto articoli sulla situazione dei copti in Egitto che conterrebbero notizie false.

A raffica arrivano reazioni da esponenti politici a Bruxelles.

Proprio nelle ore precedenti l’udienza di oggi in Egitto, ha superato le 300mila firme la petizione lanciata a inizio anno dalla Community di Bologna Station to Station sulla piattaforma Change.org per conferire a Zaki la cittadinanza italiana (Change.org/PatrickZakiCittadinoItaliano). “Questa della scarcerazione senza assoluzione, non è gioia piena ma è comunque gioia“, commentano in una nota i promotori della petizione, i quali lo scorso luglio hanno consegnato le firme, provenienti da tutta UE, nelle mani del presidente del Parlamento Europeo Sassoli. “Attendiamo di sapere le esatte modalità del rilascio e non nascondiamo un certo timore. Sapere che Patrick potrà tornare a casa e conoscere l’interesse che tutta l’Italia e l’Europa ha riposto nel suo caso, crediamo gli sarà utile per ricostruire la sua vita”, aggiungono gli attivisti. “Non vediamo l’ora di poterlo abbracciare e auspichiamo ora un atto preciso dal Governo Italiano: cittadinanza Italiana subito!“, ribadiscono i membri della community.