HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Benassi:

Benassi: "Adesione UE un processo, non automatismo. Con Ucraina avanti con accordo di associazione"

Il rappresentante permanente italiano in audizione alla Camera spiega che ci sono regole e procedure chiare per l'ingresso. "Risposta politica molto rapida"

Bruxelles – L’Ucraina nell’UE è uno scenario possibile, che l’Italia sostiene, ma che deve avvenire secondo le regole e le modalità previste. Niente scorciatoie, niente corsie preferenziali e non per ragioni di chiusure pre-concettuali, ma per il bene della credibilità di tutti. Pietro Benassi cerca di fare ordine su un tema oggetto di dichiarazioni e ragionamenti forse troppo poco cauti o slegati dall’impianto normativo esistente. Ai deputati delle commissioni Affari esteri e Politiche dell’Unione europea della Camera, il rappresentante permanente d’Italia presso l’UE ricorda che un conto è l‘adesione all’UE, e un altro è il riconoscimento dello status di Paese candidato. Si comincia col chiedere tale status, per poi diventare membro al termine di un processo di riforme.

“L’aspirazione dell’Ucraina a far parte della famiglia europea è legittima e la sosteniamo, ma si tratta di un processo e non di un automatismo“, dice l’ambasciatore in modo da essere il più chiaro possibile. Non si può parlare di adesione, perché questa è il punto di arrivo di un percorso che richiede anni. “Nel frattempo la piena attuazione dell’accordo di associazione resta lo strumento principale per rafforzare il legame tra Unione europea e Ucraina”.

Respinge con forza le critiche di chi fa notare che la risposta dell’UE, di fronte al dramma della guerra e alla richiesta di aiuto del popolo ucraino, è stata di chiusura. Alla richiesta di Kiev “hanno fatto seguito quelle di Georgia e Moldova, e c’è stata una rapida risposta politica della presidenza francese all’attivazione della richiesta di adesione, e col consenso di tutti e 27″ gli Stati membri, come vuole la procedura che porta all’allargamento dell’UE.

Nella Camera dei deputati c’è il timore che questo messaggio possa essere letto nella maniera sbagliata tra i Paesi dei Balcani occidentali. Montenegro, Serbia, Kosovo, Macedonia del nord, Albania, aspettano ancora progressi sostanziali, dopo anni di attesa. Va evitato che si pensi che esistano candidati di serie A e candidati di serie B. Anche per questo, pur volendo, risulta difficile concedere a Kiev cose mai concesse ai balcanici. Ad ogni modo, la linea italiana “è chiara”, spiega Benassi: “Riteniamo che i Balcani occidentali possano e debbano essere assorbiti nell’Unione europea in modo serio”.

ARTICOLI CORRELATI