HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Bruxelles, trovare casa per gli
La piazza del Petit Sablon, nel centro di Bruxelles (foto tratta da Visit Bruxelles)

Bruxelles, trovare casa per gli "expat" diventa sempre più difficile (e costoso)

La pandemia ha fatto alzare i prezzi degli alloggi con un "fuori", le aziende pagano sempre meno spesso l'affitto, ma i proprietari tengono alti i prezzi convinti che chi arriva guadagni sempre molto bene

Bruxelles – Gli espatriati hanno meno possibilità di trovare una casa in affitto a Bruxelles. Sono finiti gli anni felici nei quali un appartamento di pregio o addirittura una villetta con il giardino nella capitale del Belgio costavano un terzo che a Roma o a Milano. Ora i prezzi salgono mese dopo mese. Lo spiega Deborah Loones di Relocation Belgium. Sebbene il mercato degli affitti nel regno sia già saturo, la pandemia ha peggiorato la situazione.

Relocation Belgium è una società che, tra le altre cose, aiuta gli espatriati a trovare un alloggio nelle Fiandre e a Bruxelles.

“Prima della pandemia, potevamo pianificare diverse visite a domicilio con espatriati entro pochi giorni, e quindi valutare quale luogo fosse più adatto. Dopo la pandemia non è più così. Gli inquilini interessati arrivano contemporaneamente e le decisioni rapide sono la norma. Mentre alcuni anni fa potevamo trovare una casa adatta per gli espatriati in pochi giorni, oggi è sempre più difficile, a Bruxelles e nelle Fiandre“, afferma Loones.

Inoltre per chi espartia per lavoro, un numero decrescente di aziende è disposto ad assumersi i costi di affitto per i dipendenti. “Se l’espatriato deve pagare l’affitto da solo, è un costo considerevole. Se porta anche la sua famiglia, inizialmente deve coprire tutte le spese con un solo stipendio. Il partner inizia a cercare lavoro solo una volta che la famiglia è arrivata nel Paese”, dice Loones.​ Sebbene esista ancora la percezione che gli espatriati guadagnino molto e abbiano molti vantaggi, secondo Loones, in molti casi questo è non è più vero.

“I dipendenti di grandi aziende o gli espatriati con un profilo ricercato possono ancora godere di vari vantaggi. Tuttavia – racconta Loones -, noto che negli ultimi anni molti espatriati hanno perso questi vantaggi, compresa l’indennità di affitto. Le aziende spesso sostengono che non possono più essere responsabili per questi costi, perché impiegano anche belgi con una funzione simile che devono anche pagare l’affitto da soli”.

Non sono solo gli espatriati che trovano sempre più difficile trovare un alloggio in affitto nelle Fiandre ea Bruxelles. Secondo Kristophe Thijs, direttore delle comunicazioni di CIB Flanders, il mercato degli affitti era già saturo prima dello scoppio della pandemia di coronavirus. “Il mercato degli affitti a Bruxelles sia nelle Fiandre sono un problema da tempo – spiega Thijs -. A Bruxelles, ad esempio, non si trova più un appartamento non arredato a meno di 1.000 euro. C’è molta più domanda che offerta. Soprattutto nella fascia media di prezzo, vediamo che per alcune case o appartamenti ci sono da 50 a 100 richiedenti”.

Circa il 92 per cento delle proprietà in affitto a Bruxelles sono appartamenti, dunque “chi è alla ricerca di un appartamento con una o due stanze potrebbe comunque riuscire a trovare qualcosa. Chi desidera una casa o un appartamento con più stanze avrà difficoltà a trovarlo”, spiega Thijs. Va notato che a causa della crisi del COVID e del conseguente lockdown, gli appartamenti con terrazze e le case con giardino sono più diventati popolari (e più costosi) che mai.

In ogni caso, secondo la società di risorse umane Mercer, Bruxelles è diventata una città considerevolmente più costosa in cui vivere per i lavoratori stranieri. Questo si traduce anche in prezzi di affitto più alti. Oggi l’affitto medio di un appartamento a Bruxelles è di circa 1.105 euro. Chi vuole affittare una villetta a schiera paga facilmente 1.660 euro al mese.

“Coloro che vogliono prendere una casa o un appartamento spesso devono essere veloci. Quello che notiamo anche è che i proprietari spesso danno la priorità alle persone che vogliono affittare per tre, sei o nove anni (il tipico contratto d’affitto belga, ndr). Questo potrebbe spiegare perché gli espatriati a volte non riescono a concludere, soprattutto se rimangono nel nostro Paese solo per uno o due anni”, conclude Thijs.

(Tratto dall’agenzia di stampa Belga)