Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Von der Leyen lancia la Banca europea dell'idrogeno, investirà 3 miliardi per costruire un mercato per

Von der Leyen lancia la Banca europea dell'idrogeno, investirà 3 miliardi per costruire un mercato per "l'energia del futuro"

L'annuncio della presidente della Commissione europea durante il discorso sullo stato dell'Unione. Bruxelles investirà nello sviluppo dell'idrogeno per decarbonizzare i settori più difficili da decarbonizzare. La maggior parte delle risorse arriveranno dal Fondo per l'innovazione

Bruxelles – Da un mercato “di nicchia” a uno per la produzione su larga scala. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen lancia l’idea di una nuova Banca pubblica dedicata allo sviluppo dell’idrogeno su larga scala, in grado di investire almeno 3 miliardi di euro nei prossimi anni “per costruire il mercato futuro” dell’energia in espansione che sarà “l’economia del futuro”. L’occasione per annunciarla è il tradizionale discorso sullo Stato dell’Unione, pronunciato oggi (14 settembre) di fronte all’Europarlamento di Strasburgo, con cui la leader dell’Esecutivo comunitario tira le fila dei dodici mesi appena trascorsi, guardando avanti alle iniziative legislative a cui intende dedicarsi nel prossimo anno.

Tra queste, in linea con gli obiettivi di decarbonizzare l’economia europea, c’è anche la spinta sull’idrogeno che von der Leyen considera “un punto di svolta per l’Europa” alle prese con l’obiettivo di affrancarsi dalla dipendenza energetica da Mosca. Nel piano REPowerEu presentato lo scorso maggio, Bruxelles fissa a 10 milioni di tonnellate di produzione interna di idrogeno rinnovabile e 10 milioni di tonnellate di importazioni ogni anno entro il 2030 l’obiettivo per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi e sostituire il gas naturale, il carbone e il petrolio nelle industrie e nei settori dei trasporti difficili da decarbonizzare. Per accelerare la diffusione di idrogeno verde su larga scala, la Commissione ha stanziato già 200 milioni di euro per la ricerca e dovrà pubblicare due atti delegati sulla definizione e la produzione di idrogeno rinnovabile per garantire che la produzione porti a una decarbonizzazione netta.

Per centrare gli obiettivi al rialzo del Repower, ha spiegato la presidente, “dobbiamo creare un market maker per l’idrogeno, al fine di colmare il divario di investimenti e collegare la domanda e l’offerta future”. La Banca servirà a questo, a creare un mercato favorevole per lo sviluppo dell’idrogeno attingendo in sostanza a risorse già esistenti, in particolare dal Fondo per l’innovazione. “Questo è il modo in cui diamo energia all’economia del futuro”. A metà luglio la Commissione europea ha dato via libera al primo progetto di interesse comune per la ricerca e lo sviluppo dell’idrogeno, che coinvolge 15 Paesi membri, tra cui anche l’Italia. Secondo Bruxelles, il secondo progetto seguirà a poca distanza. Sviluppare un’economia dell’idrogeno pulito rientra tra gli sforzi dell’Unione europea per raggiungere la neutralità climatica, zero emissioni nette, entro il 2050. L’obiettivo prioritario dell’Esecutivo è quello di far leva prima possibile sull’idrogeno verde, chiamato così perché prodotto da energie rinnovabili, allo scopo di decarbonizzare il mix energetico dell’Unione, favorendo anche la transizione dei settori più inquinanti che hanno maggiori difficoltà ad abbandonare le fossili in particolare ai trasporti, all’industria siderurgica (potrebbe essere il caso dell’impianto dell’Ilva di Taranto) e a quella chimica.

ARTICOLI CORRELATI

Von der Leyen annuncia misure immediate contro la crisi energetica e promette un'ampia riforma del mercato elettrico
Green Economy

Von der Leyen annuncia misure immediate contro la crisi energetica e promette un'ampia riforma del mercato elettrico

Da Strasburgo, durante il discorso sullo stato dell'Unione, la presidente della Commissione propone misure immediate contro l'impennata dei prezzi, dal prelievi sui ricavi inaspettati alle imprese energetiche al taglio sui consumi di elettricità. Resta in sospeso il tetto al prezzo del gas ma von der Leyen annuncia la creazione di una task force con la Norvegia per studiare come abbassare i prezzi