HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Cresce vertiginosamente il mercato di biciclette elettriche nell'Ue

Cresce vertiginosamente il mercato di biciclette elettriche nell'Ue

I dati Eurostat sottolineano come il mercato sia settore in crescita. Paesi leader la Germania e i Paesi Bassi. Le importazioni quasi tutte arrivano dalla Cina

Bruxelles- Continua a crescere il mercato delle biciclette elettriche nell’Unione europea. Il numero di importazioni ed esportazioni di biciclette elettriche verso e dall’Ue è aumentato considerevolmente negli ultimi cinque anni. Secondo i dati Eurostat, dal 2012, le esportazioni dall’Ue sono aumentate di circa 600.000 unità, mentre le importazioni verso l’Ue (quasi tutte dalla Cina) di circa un milione e mezzo.

Lo Stato Membro in cima alla classifica sia di importatori sia di esportatori del prodotto è la Germania, con un’esportazione di 240.000 biciclette elettriche, pari al 29% del totale delle esportazioni dell’Eurozona, e con un’importazione pari al 28% del totale. Un altro 26% va in Olanda, confermando questi due Paesi come i maggiori importatori in assoluto, con oltre il 50% del mercato. Seguono poi Belgio (13%), Francia (9%), Regno unito (7%) e l’Italia, con il 5%, pari a 110.000 unità.

La produzione europea di biciclette elettriche ha come destinazioni di export più gettonate gli stessi Stati Membri, con nove su dieci e-bycicles esportate nell’Ue e con oltre la metà di importazioni, anche qui, ripartite tra Germania e Paesi Bassi. Per quelle che arrivano da fuori Ue, quattro biciclette elettriche su cinque vengono importate dalla Cina.

Per quanto riguarda gli Stati non-Membri, la Svizzera è la maggiore destinataria dell’esportazione di biciclette elettriche costruite nell’Ue, seguita da Giappone, Australia, Stati Uniti e Canada.

 

ARTICOLI CORRELATI

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo
Economia

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo

Intesa sul filo di lana tra gli ambasciatori Ue per ‘price cap’ a 100 dollari al barile per i prodotti derivati cosiddetti ‘di alta qualità’ (high value), come diesel e benzina, e 45 dollari al barile per i prodotti di bassa qualità, come gli oli combustibili. Dopo la procedura formale, il tetto sarà in vigore da domenica 5 febbraio insieme all'embargo europeo sugli stessi prodotti raffinati