HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Banche, Tajani attacca ancora la Bce e rivendica

Banche, Tajani attacca ancora la Bce e rivendica "il ruolo della politica" sulla tecnocrazia

Il presidente del Parlamento europeo torna sulla vicenda delle regole per i crediti deteriorati e ammonisce: spetta a Parlamento e Consiglio europei scrivere le regole, non a "tecnocrati non eletti"

Roma – Non si placa lo scontro istituzionale tra il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, e la Banca centrale europea. Dopo gli “sforzi comuni” chiesti dal numero uno dell’istituto di Francoforte, Mario Draghi, per risolvere il problema dei crediti deteriorati (Npl) che pesano sui bilanci delle banche, Tajani è tornato sulla propria presa di posizione contraria alle proposte avanzate dalla Vigilanza unica della Bce. “Qualcuno, sbagliando, ha interpretato la mia scelta di rivolgermi alla Bce sui crediti deteriorati come una scelta tecnica. Invece è stata una decisione politica”, rivendica il presidente degli eurodeputati.

“Non è mio compito entrare nei contenuti” del documento sugli Npl, precisa, “ma dovevo difendere il ruolo e le competenze del Parlamento Ue”, quindi “ho fatto il mio dovere intervenendo”. “Deve essere il luogo della rappresentanza, il Parlamento europeo, assieme al Consiglio, a scrivere le leggi”, ha tuonato Tajani. “Non possono farlo funzionari, tecnocrati che non sono eletti e non rispondono a nessuno”. Nel suo intervento al dibattito sulla Brexit organizzato da Il Messaggero a Roma, l’esponente del Ppe, si dice convinto che “la politica deve tornare ad avere un ruolo centrale” per “tirare l’Europa fuori dal guado” e combattere la “disaffezione dei cittadini”.

È la politica che deve prendere “scelte coraggiose”, indica ancora Tajani che, tra i vari esempi, cita la web tax, i programmi per l’industria aerospaziale, il sostegno alle piccole e medie imprese, e la riforma delle norme antidumping. Nel suo discorso si sentono gli echi del precedente incarico da commissario all’Industria, quando dice che “dobbiamo far sentire a chi produce la possibilità di andare avanti, di realizzare progetti, avere una pressione fiscale diversa”.

Su quest’ultimo tema, il politico romano ritiene sia necessario accelerare verso l’armonizzazione a livello europeo. Per questo si dice “favorevole al ministro delle Finanze europeo, ma condivido l’idea di Paolo Gentiloni: non si tratta di mettere una persona su una poltrona, ma di capire come cambiare e armonizzare la politica fiscale”, e come far sì “che non ci siano più dei paradisi fiscali in Europa”.

ARTICOLI CORRELATI

Parigi e Berlino in 'missione' a Washington prima del Vertice Ue. A Bruxelles sfuma l'idea di nuovo debito comune per il Piano industriale green
Economia

Parigi e Berlino in 'missione' a Washington prima del Vertice Ue. A Bruxelles sfuma l'idea di nuovo debito comune per il Piano industriale green

I Ventisette su posizioni distanti prima del Vertice Ue che giovedì e venerdì riunirà i leader nella capitale belga per discutere della risposta al piano Usa contro l'inflazione. Le Maire e Habeck incontreranno domani il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen per cercare di negoziare aggiustamenti al grande piano americano
L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo
Economia

L'Unione europea trova l'accordo sul tetto al prezzo del petrolio raffinato russo

Intesa sul filo di lana tra gli ambasciatori Ue per ‘price cap’ a 100 dollari al barile per i prodotti derivati cosiddetti ‘di alta qualità’ (high value), come diesel e benzina, e 45 dollari al barile per i prodotti di bassa qualità, come gli oli combustibili. Dopo la procedura formale, il tetto sarà in vigore da domenica 5 febbraio insieme all'embargo europeo sugli stessi prodotti raffinati