HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Costo sacchetti-bio? Decisione italiana nascosta in un decreto omnibus
Dal primo gennaio 2018 ogni sacchetto biodegradabile destinato all'acquisto dei prodotti ortofrutticoli nei supermercati italiani costa 2 centesimi

Costo sacchetti-bio? Decisione italiana nascosta in un decreto omnibus

Il provvedimento è contenuto nella legge Disposizioni urgenti per la crescita del Mezzogiorno" che prevede norme sull'Università', sull'accesso al trattamento pensionistico di lavoratori occupati in imprese che impiegano amianto, e altro ancora

Bruxelles – Sacchetti bio a pagamento, le polemiche non si placano, anzi sembrano acuirsi. A chi è venuta l’idea di farli pagare? E’ una imposizione Ue? No, è una decisione autonoma del nostro governo.

Tutto nasce, è vero, da una direttiva comunitaria, ma bisogna ricordare che se da un lato una direttiva è un atto legislativo che stabilisce un obiettivo che tutti i paesi dell’Ue devono realizzare, dall’altro lato tuttavia, spetta ai singoli paesi definire attraverso disposizioni nazionali come tali obiettivi vadano raggiunti. E la direttiva Ue 2015/720 da cui nasce tutto indica la progressiva riduzione dell’uso di borse di plastica, senza entrare nel merito sul “come” raggiungere tale obiettivo.

Ebbene, da noi ci ha pensato la legge 123/2017 che è la conversione in legge del decreto n.91 del 20 giugno dell’anno scorso che riguarda  “Disposizioni urgenti per la crescita del Mezzogiorno”. E cosa c’entrano  i sacchetti-bio con il Mezzogiorno? Nulla. Ma quel decreto è uno dei tanti esempi di come da noi sia invalso l’uso di inzeppare un provvedimento di tutto e di più… In questa stessa legge di conversione di quel decreto  compaiono, ad esempio, norme sull’Università, sull’accesso al trattamento pensionistico di lavoratori occupati in imprese che impiegano amianto (art.13,ter), sui rapporti con l’Istat dei Comuni di minori dimensioni demografiche  (art.15, ter), sul contributo alle province e alle città metropolitane (art.15, quinues), disposizioni  per lo svolgimento dell’anno scolastico 20127/ 2018 (art. 25, octies) , l’istituzione del tavolo per il riordino della disciplina dei servizi automobilistici interregionali di competenza statale (art 16 quinquis) e anche (art.16 novies) disposizioni per le celebrazioni in onore di Antonio Gramsci (con un contributo di 350 mila euro per l’anno 2017).

Ed eccoci all’art 9-bis di attuazione della direttiva (Ue) 2015/720 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2015, per quanto riguarda la riduzione dell’utilizzo di borse di plastica in materiale leggero. Ebbene, al comma 5 si stabilisce che:  “Le borse di plastica in materiale ultraleggero non possono essere distribuite a titolo gratuito e a tal fine il prezzo di vendita per singola unità deve risultare dallo scontrino o fattura d’acquisto delle merci o dei prodotti imballati per il loro tramite”; si tratta di una iniziativa tutta nostra, al momento unica in Europa. Faremo da apri-pista, o le polemiche scatenatesi indurranno a una retromarcia?