HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Lotta all'obsolescenza programmata in Italia, Apple e Samsung nel mirino
Apple e Samsung accusate in Italia di praticare l'obsolescenza programmata

Lotta all'obsolescenza programmata in Italia, Apple e Samsung nel mirino

Agcm accusa i due colossi di aver immesso sul mercato dei prodotti che, complici alcuni aggiornamenti, smettono di funzionare al meglio dopo un preciso periodo di tempo

Bruxelles – Dopo la Francia anche l’Italia si sta preparando a fare la guerra all’obsolescenza programmata. L’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) ha avviato un’indagine contro due colossi della telefonia, Apple e Samsung, per pratiche commerciali scorrette. Ispezioni e perquisizioni dei Nuclei speciali dell’Antitrust della Guardia di finanza e del Nucleo speciale frodi tecnologiche sono state autorizzate nelle sedi italiane di entrambe le multinazionali.

I due giganti delle telecomunicazioni, sono accusati di aver immesso sul mercato dei prodotti ‘programmati’ per smettere di funzionare dopo un preciso periodo di tempo. In questo modo i consumatori sono invogliati (o quasi obbligati) ad acquistare il modello successivo, che più che innovativo, non presenta i ‘difetti’ del precedente, ma ne possiede altri, dando vita ad una continua ‘spinta all’acquisto’ . Questo sistema di fidelizzazione del cliente, denominato ‘obsolescenza programmata’ è stato condannato anche dal Parlamento europeo.

L’Agcm ha puntato il dito in particolare contro gli aggiornamenti software degli smartphone, oggetto di segnalazione da innumerevoli consumatori. Con l’aggiornamento automatico, infatti, i telefonini inspiegabilmente rallentano.  Il rallentamento potrebbe essere dunque indotto violando gli articoli 20, 21, 22 e 24 del Codice del Consumo, questa l’accusa.

Samsung, che a differenza di Apple è oggetto di indagine solo in Italia, ha risposto con un comunicato rivendicando di essere nel giusto: “Noi non forniamo aggiornamenti software per penalizzare le prestazioni dei dispositivi e collaboreremo con l’Autorità garante della concorrenza e del mercato italiana per chiarire i fatti”.

ARTICOLI CORRELATI

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”