HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Di Maio chiude a Salvini e tende la mano al Pd. Salta il governo M5s-Lega, ma i dem si spaccano
Luigi Di Maio

Di Maio chiude a Salvini e tende la mano al Pd. Salta il governo M5s-Lega, ma i dem si spaccano

Il leader dei 5 Stelle accoglie la richiesta del reggente Martina per avviare il dialogo, ma molti parlamentari dem sono contrari a un accordo con i 5 stelle

Roma – “Per me qualsiasi discorso con la Lega è chiuso”. Non poteva essere più chiaro di così il capo politico del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, nel porre fine al dialogo con il leader del Carroccio Matteo Salvini, “dopo aver passato 50 giorni” a dirgli “che un contratto di governo si poteva fare”. Uscendo dalla consultazione con il presidente della camera Roberto Fico, iI candidato M5s alla presidenza del Consiglio ha detto chiaramente che considera scaduta l’offerta, perché “Salvini e la Lega hanno deciso di condannarsi all’irrilevanza per rispetto dei loro alleati, anzi del loro alleato” Silvio Berlusconi. Non sembra esserci più spazio per far nascere un esecutivo giallo-verde, né con una rottura che sganci il partito di Via Bellerio da quello di Arcore, né con un dietrofront dell’ex Cavaliere che accetti di dare un appoggio esterno. Ora, accogliendo la richiesta del segretario reggente Maurizio Martina, il M5s ha buttato la palla nel campo del Pd. Il punto è che i dem non hanno ancora deciso se giocare o no.

Martina ha infatti chiesto a Di Maio di confermare la rottura delle trattative con la Lega. In cambio, tuttavia, non ha offerto la disponibilità a sedersi al tavolo, ma solo a considerare di farlo. La decisione dovrà passare per la Direzione nazionale del Pd, e il disco verde è tutt’altro che scontato. Già dopo l’apertura di Martina, su Twitter diversi parlamentari dem annunciavano l’intenzione di votare contro. Tra questi Anna Ascani

e il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi

esponenti della corrente renziana, in teoria ancora in netta maggioranza nel partito. In ogni caso, se anche la Direzione dem stabilisse il via libera al negoziato, un eventuale accordo troverebbe attuazione solo se i gruppi parlamentari Pd restassero compatti. La maggioranza andrebbe poi rimpolpata anche con i seggi di Leu e delle componenti di centrosinistra nel gruppo misto, e non è detto che tutti siano disposti a sostenere un governo M5s-Pd senza avanzare richieste. Così il governo, soprattutto al Senato, rischierebbe di andare spesso in affanno. È per questa serie di motivi che un governo M5s-Pd, anche dopo le aperture delle ultime ore, rimane un’ipotesi difficile da praticare.

Di Maio lo sa, e non a caso ci ha tenuto a dire che, “se dovesse fallire questo percorso, per noi si dovrà tornare al voto”. Il leader del movimento non è disponibile a sostenere governi di scopo, del presidente o tecnici, per altro impraticabili perché anche Salvini è contrario. Non contempla neppure l’ipotesi di un esecutivo centrodestra-Pd – opzione esclusa dai veti reciproci di Lega e Pd – perché “con 338 parlamentari non esiste che si fa l’opposizione”. Con quei numeri in Parlamento, indica Di Maio, “una forza politica deve provare a fare un governo del cambiamento”. Una volta che ci ha provato, è il corollario, si può pure puntare sereni alle elezioni.

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio