HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Via libera Ue al
Lionel Messi

Via libera Ue al "Messi-style", l'asso del Barcellona può avere il marchio per abiti sportivi

Il Tribunale di Lussemburgo dà ragione alla stella del Barcellona: la sua notorietà è tale da non creare confusione con il marchio 'Massi'

Bruxelles – Lionel Messi ha vinto. Non una Champions League, e neppure un campionato spagnolo. Per l’asso argentino del Barcellona arriva un risultato importante, ma, strano a dirsi, non dai campi da gioco. E’ il Tribunale dell’Ue a premiare il noto calciatore nel contenzioso che lo riguardava, e proprio la notorietà del personaggio, vero e proprio simbolo del Barça e non solo, ha portato i giudici di Lussemburgo a dare il via libera alla registrazione del marchio “Messi” per articoli sportivi e abbigliamento sportivo.

Il marchio “Messi”

Lionel Messi è dal 2011 che rincorre il sogno di una linea d’abbigliamento. Ha chiesto all’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (Euipo) di registrare come marchio europeo la lettera ‘M’ e la scritta ‘Messi’ per i suoi prodotti, scontrandosi con l’avversario (commerciale) Jaime Masferrer Coma, che ha contestato la possibilità di confusione con un già esistente marchio, “Massi”. L’Euipo ha fermato la stella del Barcellona, di cui il Tribunale Ue ora ha accolto il ricorso. E’ vero che “Massi” e “Messi” sono simili come nomi, ma, spiegano i giudici, “la notorietà del calciatore neutralizza le somiglianze visive e fonetiche tra il suo marchio e il marchio ‘Massi’”. Vittoria, dunque. In Europa si potrà vestire Messi.