HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Italia, manager pubblici in apprensione: nuove nomine col nuovo  governo

Italia, manager pubblici in apprensione: nuove nomine col nuovo governo

Solo per le società direttamente partecipate dal ministero dell'Economia, ci sono 38 posti da assegnare

Bruxelles – Manager pubblici italiani in apprensione. Perché qualunque sarà il prossimo
governo, dovrà affrontare una questione molto attuale, anche se poco evidenziata: le nomine
nelle società a partecipazione pubblica.

Solo per quelle direttamente partecipate dal ministero dell’Economia, sono 38. Si tratta di cariche (presidenze e consiglieri d’amministrazione) scadute il 30 aprile o in scadenza entro la fine di giugno in occasione delle varie assemblee per l’approvazione del bilancio. In evidenza in particolare la Cassa depositi e prestiti – holding di partecipazione e finanziamento a enti locali- e la Rai. Nel primo caso si tratta di rinnovare 14 componenti, presidenza e amministratore delegato compresi, nel secondo di 8, presidenza compresa.

Poi la presidenza e il cda dell’Ente Eur (gestione e sviluppo immobiliare) e di Invimit (investimenti immobiliari), 5 componenti ognuno. Quindi Gse (gestore dei servizi elettrici) e Sogei (tecnologia dell’informazione e comunicazione), 3 componenti ognuno. In totale, 38.

Ma il conto non finisce qui. Perché poi ci sono i rinnovi nelle società partecipate. Ad esempio: una volta rinnovato il cda Rai, toccherà all’Auditel, che si occupa della rilevazione dei dati sull’ascolto. Ebbene, in questo caso stiamo parlando di un cda attuale di 29 persone. E poi le partecipate di Anas, Cdp, Ferrovie, Eni, Enel, Leonardo, Gse. Insomma, un mare di nomine. E l’argomento e’ sicuramente al centro dell’attenzione delle trattative in corso per il nuovo governo.

E stiamo parlando di cda scaduti o di imminente scadenza. Ma in una prospettiva non troppo lontana, ci sono i rinnovi nelle società direttamente partecipate dal ministero dell’Economia in scadenza a fine anno. E anche in questo caso sono decine e decine di nomine.

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”