HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Neet: Italia prima in Europa per numero di giovani che né studiano né lavorano

Neet: Italia prima in Europa per numero di giovani che né studiano né lavorano

Secondo i nuovi dati Eurostat, la quota italiana di giovani inattivi si attesta al 25,7% a fronte della media europea del 14,3%

Bruxelles – L’Italia nel 2017 si conferma prima nella classifica europea dei Neet, ossia i giovani tra i 18 e i 24 anni che né sono inseriti in un percorso di studi né lavorano. Secondo i dati di Eurostat, la quota di giovani inoperosi nel 2017 si attesta al 25,7%, in lieve calo rispetto al 26% dell’anno precedente, ma di molto maggiore a fronte della media europea del 14,3%.

Una percentuale simile a quella italiana, con circa un giovane su cinque classificabile come Neet, si registra in Grecia (21,4%), Croazia (20,2%), Romania (19,3%) e Bulgaria (18,6%). Un tasso Neet superiore al 15% è stato registrato anche in Spagna (17,1%), Francia (15,6%) e Slovacchia (15,3%). Invece la percentuale più bassa è riscontrabile nei Paesi Bassi (5,3%), davanti a Slovenia (8%), Austria (8,1%), Lussemburgo e Svezia (entrambi a 8,2%), Repubblica Ceca (8,3 %), Malta (8,5%), Germania (8,6%) e Danimarca (9,2%).

Sempre secondo i nuovi dati diffusi dall’Eurostat, nel 2017, a livello comunitario, c’erano complessivamente circa 5,5 milioni di giovani di età compresa tra 18 e 24 anni (pari al 14,3%) né occupati né iscritti ad un corso di studi.

ARTICOLI CORRELATI

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”