HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Ecco come hanno votato gli eurodeputati in questa legislatura
Eurodeputati in votazione nell'Aula di Strasburgo

Ecco come hanno votato gli eurodeputati in questa legislatura

VoteWatch ha raccolto un database di come ogni deputato ha votato su ciascuna delle 9.000 decisioni in Aula in questi cinque anni

Bruxelles – Riportiamo qui di seguito una interessante analisi condotta da VoteWatch sul comportamento di voto e in particolare sulla trasparenza del voto dei parlamentari europei. Crediamo sia un importante contributo di conoscenza per gli elettori in vista delle prossime europee.

Tra tre mesi, molti deputati cercheranno di mantenere il loro posto di lavoro chiedendo ai cittadini dell’UE di dare loro un’altra possibilità di far avanzare l’UE. VoteWatch Europe fornirà al pubblico una serie di rapporti che rivelano cosa e come i deputati hanno deciso in questi cinque anni per conto di mezzo miliardo di cittadini. Oggi guardiamo i grandi numeri.

Durante questi cinque anni di legislatura, il Parlamento europeo ha svolto circa 9.000 votazioni per appello nominale, tra cui voti separati su paragrafi chiave e emendamenti e sono i “voti trasparenti”, in cui il pubblico può vedere in che modo ciascun membro del Parlamento ha votato. A VoteWatch abbiamo raccolto un database di come ogni deputato ha votato su ciascuna di queste 9.000 decisioni e diamo un’interpretazione al il contesto e al significato.

Questa cifra impressionante è un aumento di quasi il 50% rispetto alla precedente legislatura, che segnala un aumento sostanziale della trasparenza del processo decisionale a livello della plenaria. Al rovescio della medaglia, i deputati hanno deciso che alcuni voti chiave nella plenaria del Parlamento devono rimanere opachi al pubblico. Tra questi, c’è l’importantissimo voto per l’elezione del presidente della Commissione europea, che sarà lanciato in pochi mesi (a luglio). Un paio di anni fa, i deputati hanno risposto alla domanda se i cittadini dovrebbero sapere chi sostiene la persona proposta come presidente dell’Esecutivo europeo, e la maggioranza di loro ha detto “no”.

I deputati hanno anche iniziato a usare voti trasparenti nelle commissioni, sebbene il loro uso sia molto più raro e il formato dei documenti in cui sono pubblicate le informazioni, nonché il ritardo (tra il momento del voto e il momento in cui questo è reso disponibile al pubblico), sono ancora ben lungi dall’essere soddisfacenti per un organo democraticamente eletto.

È interessante notare che, a livello di plenaria, l’area politica con il maggior numero di voti trasparenti è stata “il bilancio dell’UE”, dove in oltre 1.500 decisioni possiamo trovare il modo in cui ogni deputato ha votato. In secondo luogo arriva, piuttosto sorprendentemente, la politica estera e di sicurezza, con oltre 1.200 voti trasparenti, mentre al terzo posto abbiamo l’ambiente e la salute pubblica, con oltre 750 voti trasparenti.

Qual è stata l’affluenza ai voti del Parlamento europeo?

Nella plenaria del Parlamento europeo, l’affluenza media è stata di 657 deputati al Parlamento europeo (su 751). Abbiamo registrato un’affluenza di oltre 700 eurodeputati in circa 1 voto su 8 (1.100 su 9.000). All’estremo opposto, vi erano solo l’8% delle decisioni prese da meno di 600 deputati al Parlamento europeo. Nel complesso, l’affluenza è impressionante, tenendo conto che i deputati devono viaggiare avanti e indietro tra Bruxelles / Strasburgo e le loro circoscrizioni in tutto il continente su base settimanale.

Per essere precisi, l’alta affluenza ai voti è anche spiegata dal fatto che i voti si concentrano in sessioni di voto speciali nel mezzo della giornata, poco prima di pranzo. In particolare, è piuttosto raro vedere più di cento o un paio di centinaia di deputati al Parlamento europeo quando ci sono dibattiti, il che indica che i deputati sono molto più interessati a prendere parte ai voti che ad ascoltare i discorsi degli altri. Questo è uno dei motivi per cui a VoteWatch constatiamo che se si vuol capire capire cosa è importante nel lavoro del Parlamento, quali deputati europei sono più influenti tra i loro colleghi e che sono decisivi nel bilanciamento di  una decisione, devono prestare molta più attenzione alla dinamica dei voti piuttosto che i discorsi dei politici – dopotutto, i deputati stessi lo hanno capito, quindi perché non fare ciò che fanno gli addetti ai lavori?

Quali sono stati i voti più partecipati?

L’argomento che ha attirato il maggior numero di deputati al voto è stato, non a caso, la migrazione. Ad esempio, il 12 aprile 2016 si è tenuto il voto più partecipato dell’intero mandato, che ha riunito 717 deputati al Parlamento europeo e ha discusso della situazione migratoria nel Mediterraneo e dell’adozione di misure per gestire i flussi migratori.

Il secondo e il terzo voto più popolari, con la partecipazione di 715 deputati, hanno affrontato politiche volte a combattere la disoccupazione giovanile e quelle sull’allevamento degli animali e il loro materiale germinale. Il quarto voto più popolare è servito a rivedere gli usi del principio di sussidiarietà all’interno dell’Unione e ha avuto una partecipazione di 714. Infine, il quinto, che ha riunito 713 deputati al Parlamento europeo, ha affrontato il ruolo del dialogo interculturale, della diversità culturale e dell’istruzione nella promozione dell’UE valori fondamentali

Chi ha deciso l’esito dei voti?

La frequenza della “grande coalizione” (PPE + S&D) è leggermente aumentata in questa legislatura. In effetti, è gradualmente aumentato negli ultimi 3 mandati del Parlamento europeo, mentre le dimensioni del PPE e di S&D sono diminuite, il che sembra indicare che più piccoli sono questi gruppi, più sono “costretti” a lavorare insieme. Se questa tendenza persiste, è probabile che vedremo una cooperazione ancora più forte tra di loro nella prossima legislatura, quando sembra che per la prima volta le loro forze sommate scenderanno sotto il livello critico del 50% dei seggi.

Da una prospettiva diversa, si può anche sostenere che la correlazione va al contrario: più questi gruppi cooperano nel Parlamento “uccidono” il dibattito, più gli altri gruppi hanno la possibilità di profilarsi al pubblico come alternativa, come la “vera opposizione”, il che spiegherebbe la loro crescita sostanziale nel corso degli anni e la contrazione del PPE e di S&D. Se questa è la vera correlazione e la “grande coalizione” continuerà nel prossimo Parlamento, allora entro il 2024 potremmo vedere un arcobaleno politico completamente rimodellato in tutto il continente, simile ai modelli in Francia, Italia e / o Spagna dove i partiti tradizionali hanno perso o stanno perdendo il controllo dopo decenni.

La grande coalizione ha deciso circa il 74% dei voti in questa legislatura, mentre nel restante 26% PPE e S&D hanno votato gli uni contro gli altri. In questo 26% delle decisioni, i restanti gruppi politici (così come le defezioni all’interno dei due grandi gruppi) hanno fatto la differenza.

Più precisamente, in 816 voti (quasi uno su dieci) la maggioranza era inferiore a 50 voti, il che significa che se 26 deputati avessero votato in altro modo, anche il risultato del voto sarebbe cambiato. Si sono verificati molti voti sul filo in particolare sulla politica ambientale che ha un impatto sull’industria, ad esempio il voto per considerare “l’istituzione di un’autorità di vigilanza a livello UE per il settore automobilistico”, che è stata approvata con una maggioranza di solo 1 voto (329 vs 328, votato il 27.10.2015). In questo caso, un deputato del gruppo ECR che ha votato a fianco dei gruppi della sinistra ha effettivamente deciso l’esito del voto.

Molti voti stretti si sono verificati anche in settori quali la migrazione, la politica commerciale o i diritti delle donne, ma anche quando si tratta di frazionare e gestire i soldi dei contribuenti, inclusa la parte del bilancio utilizzata per coprire gli stipendi e le spese degli stessi eurodeputati. In totale, in quasi 200 voti la maggioranza era di meno di 10 deputati.

Il prossimo Parlamento sarà molto più frammentato di quello attuale. I gruppi più piccoli aumenteranno di dimensioni e di potere, potendo influenzare più voti. Di conseguenza, possiamo aspettarci che un numero crescente di voti sia deciso da maggioranze più piccole. Ciò significa anche che il peso dei relatori e dei leader dei gruppi potrebbe risentirne, mentre i singoli deputati avrebbero maggiore libertà o margine di manovra. In questo contesto di crescente imprevedibilità, diventa evidente la necessità di trattare ciascun deputato come influencer e trovare i potenziali alleati nascosti.