HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Italia, quale maggioranza per approvare una riforma elettorale?

Italia, quale maggioranza per approvare una riforma elettorale?

Le proposte di M5S e Lega, per aumentare la soglia della maggioranza per l'approvazione e anche di una entrata in vigore ritardata

Roma – Mentre covid, post-covid, prospettive economiche preoccupanti monopolizzano l’attenzione, in Italia c’è spazio anche per discutere di riforma elettorale. O meglio: con quale  maggioranza parlamentare porre mano a una eventuale (ulteriore) modifica costituzionale  per eleggere le due Camere.

Se ne discute a Montecitorio, in commissione Affari costituzionali, dove si fronteggiano due proposte figlie di due schieramenti M5s e Lega ex alleati di governo.

Tutto nasce dalla frequenza con cui da noi negli ultimi anni- fenomeno sicuramente unico in Europa- si è proceduto a modificare il sistema elettorale: dal ’93 a oggi ben quattro riforme. Nel 1993 con il cosiddetto «Mattarellum», nel  2005  con il sistema poi definito   «Porcellum», nel  2015  con l’ «Italicum» e infine il cosiddetto «Rosatellum» del 2017-

Ebbene, con l’obiettivo di porre un freno a modifiche elettorali troppo frequenti  la proposta di ispirazione pentastellata (primo firmatario Francesco Forciniti seguito da altri sei compagni di partito) interviene sull’art.72 della Costituzione – che prevede “procedure normali” anche per la votazione di per l’approvazione di leggi di natura costituzionale- proponendo che le leggi elettorali siano approvate a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera.

La proposta della Lega (primo firmatario Giancarlo Giorgetti, e poi tutti gli altri componenti il gruppo parlamentare) propone  invece di introdurre un articolo 59-bis nella Costituzione prevedendo che  le norme per l’elezione della Camera e del Senato  siano approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera e con votazione a scrutinio palese. Non solo. Le nuove norme si applicano a decorrere dal procedimento di elezione delle Camere della seconda legislatura successiva a quella in cui sono state approvate.

Un confronto che sta marcando il dibattito in commissione, dove da un lato si contesta l’eccessiva maggioranza proposta dai 5 stelle, dall’altro  il momento di applicazione delle  nuove norme.