HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Bilancio, Parlamento UE può esercitare i suoi poteri d'Aula anche a Bruxelles
La doppia sede del Parlamento europeo, a Bruxelles (sinistra) e Strasburgo

Bilancio, Parlamento UE può esercitare i suoi poteri d'Aula anche a Bruxelles

La Corte di giustizia dell'UE contro la Francia: obblighi giuridici aggirabili "ove ciò sia imposto da esigenze imperative connesse al buon svolgimento" dell'attività dell'UE

Bruxelles – Regola vuole che il Parlamento europeo svolga a Strasburgo i suoi lavori d’Aula, e a Bruxelles le attività di commissione. I voti necessari alla legislazione comunitaria perché i provvedimenti siano approvati avvengono in Aula, e dunque a Strasburgo. Tuttavia, in ragione del buon funzionamento legislativo e istituzionale, il Parlamento europeo può esercitare  una parte dei propri poteri di bilancio anche a Bruxelles. Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell’UE, pronunciandosi nella causa promossa dalla Francia.

Il pronunciamento dei giudici di Lussemburgo ripropone la questione della doppia sede del Parlamento europeo, con la Francia gelosa dei lavori di Strasburgo. E’ stato proprio il governo di Parigi a contestare l’adozione del bilancio UE per il 2018 nella sessione plenaria del 29 e 30 novembre 2017, in programma a Bruxelles.

La Corte di Lussemburgo rileva che da un punto di vista procedurale niente è stato contro le regole, poiché il Parlamento aveva già fissato prima di quella data tutte le seduta d’Aula da tenere nelle due sedi istituzionali. Non è stata dunque organizzata alcuna sessione speciale.

Da un punto di vista giuridico, “il Parlamento è tenuto ad adempiere ai propri poteri di bilancio nel corso di una tornata plenaria ordinaria che si tiene a Strasburgo”, ma tale obbligo “non costituisce un ostacolo a che il bilancio annuale, ove ciò sia imposto da esigenze imperative connesse al buon svolgimento della procedura di bilancio, venga discusso e votato durante una tornata plenaria aggiuntiva che si tiene a Bruxelles”.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio