HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Vigilanza sulle banche: Il Parlamento elegge un altro uomo ai vertici della finanza europea
Il neo-eletto direttore ABE François-Louis Michaud

Vigilanza sulle banche: Il Parlamento elegge un altro uomo ai vertici della finanza europea

La Commissione per i problemi economici e monetari ne aveva respinto la candidatura perché non garantiva la parità di genere, ma l'Aula ha scelto il francese François-Louis Michaud come direttore dell’ABE

Bruxelles- La plenaria del Parlamento europeo, pur spaccandosi, ha approvato l’elezione di François-Louis Michaud alla direzione esecutiva dell’Autorità bancaria europea (ABE), liquidando la bocciatura di soli pochi giorni fa da parte della Commissione per i problemi economici e monetari che lamentava il non rispetto della parità di genere tra i candidati proposti al voto finale e più in generale al vertice delle istituzioni comunitarie.

Michaud, eletto in sessione plenaria mercoledì 8 luglio con 343 voti a favore, 296 contrari e 56 astenuti, ha comunque promesso di promuovere la rappresentanza femminile all’interno dell’ABE ma la tensione resta alta tra i gruppi del Parlamento.

L’elezione di Monsieur Michaud è un duro colpo per l’equilibrio di genere nelle posizioni finanziare di vertice nell’Unione Europea”, ha commentato Sven Giegold, deputato tedesco dei Verdi. “Dopo aver richiesto, nella sua risoluzione dell’anno scorso, liste di candidati che mantenessero l’equilibrio uomo-donna, il Parlamento ha oggi rinunciato ai suoi principi minando così la sua credibilità.”

Di “errore” parla l’esponente del Movimento 5 Stelle, Piernicola Pedicini. “Il Parlamento europeo ha perso l’importante occasione di ribadire con forza un principio importante, quello della parità di genere nei posti apicali dei vertici finanziari europei”.

Gli eurodeputati avevano concordato l’anno scorso che le nomine alle posizioni strategiche dell’economia e della finanza provenissero da una lista ristretta di candidati che comprendesse un uomo e una donna . Nell’ultima votazione è stato presentato solo il nome di François-Louis Michaud e la Commissione per i problemi economici e monetari si era espressa venerdì 3 luglio affinché l’attuale direttrice della politica di sorveglianza dell’ABE, Isabelle Vaillant, entrasse a far parte della lista finale.

Un altro candidato, l’irlandese Gerry Cross, era già stato bocciato a Gennaio poiché la sua elezione non rispettava i criteri di parità di genere e il suo profilo non prometteva sufficiente distacco da gruppi d’interesse bancari dopo che il precedente direttore dell’ABE Adam Farkas aveva inaspettatamente dato le dimissioni per raggiungere il gruppo di lobby “Association for Financial Markets in Europe”.

Il neo-eletto François-Louis Michaud, è vice-direttore generale presso la Banca centrale europea, nella direzione generale responsabile della vigilanza delle maggiori banche europee. È entrato a far parte della BCE nel marzo 2014, in qualità di vicedirettore generale per le tematiche orizzontali e specialistiche. In precedenza, è stato vice-direttore della vigilanza bancaria presso l'”Autorité de Contrôle Prudentiel et de Résolution” in Francia.

L’Autorità bancaria europea è una delle tre autorità di vigilanza (insieme all’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati e all’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni) istituite dopo la crisi finanziaria del 2008 per costituire il sistema di allarme europeo in caso di rischi o irregolarità nel settore dei servizi finanziari.

ARTICOLI CORRELATI

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”