HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Il Parlamento europeo dà da mangiare alle persone in difficoltà

Il Parlamento europeo dà da mangiare alle persone in difficoltà

A Bruxelles le cucine dell'istituzione UE preparano 500 pasti al giorno, a Lussemburgo e Strasburgo 250 coperti al giorno. Sassoli: "Abbiamo deciso ripetere gesti di solidarietà concreti nelle città che ci ospitano"

Bruxelles – Il Parlamento europeo al lavoro per i bisognosi nelle città dove ha sede. Con il freddo e i nuovi lockdown derivanti dalla seconda ondata di COVID19, l’istituzione comunitaria ha deciso di dare da mangiare a chi si trova in difficoltà. Nella sede di Bruxelles le cucine già da domenica hanno iniziato a preparare 500 pasti al giorno, distribuiti alle associazioni locali di volontariato.

Anche a Strasburgo e Lussemburgo, dove hanno sede rispettivamente la sede che ospita i lavori d’Aula e gli uffici, le cucine sono state accese per produrre 250 pasti al giorno da destinare alle persone in difficoltà.

“La forza dell’Europa risiede nell’agire in maniera solidale”, scandisce il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli. “Abbiamo deciso ripetere gesti di solidarietà concreti nelle città che ci ospitano”.

Non è la prima volta che l’istituzione europea direttamente eletta dai cittadini si mette al servizio delle fasce più deboli della popolazione. Ad aprile, in piano confinamento, il Parlamento europeo aveva deciso di ospitare 100 donne in difficoltà.