HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Anche Salvini strizza l'occhio a Orban: lavoriamo a un gruppo parlamentare comune a Strasburgo

Anche Salvini strizza l'occhio a Orban: lavoriamo a un gruppo parlamentare comune a Strasburgo

Competizione a destra per accaparrarsi il gruppetto uscito dal PPE, anche i Conservatori di Fitto hanno aperto a Fidesz

Bruxelles – L’uscita dei dodici parlamentare ungheresi di Fidesz dal gruppo del PPE al Parlamento europeo sta aprendo una corsa tra i gruppi della destra per accoglierli.

Pochi giorni fa furono i Conservatori e Riformisti Europei (ECR) , che con un messaggio firmato dai co-presidenti Raffaele Fitto e Ryszard Legutko ad invitare i colleghi ungheresi ad aggiungersi a loro. Ma di risposte ancora non si è avuta notizia.

Forse perché il partito del premier Viktor Orban guarda a Matteo Salvini? “Stiamo lavorando per creare un nuovo gruppo europeo, sono in contatto con i polacchi, gli ungheresi”, ha detto oggi il leader della Lega intervistato su Facebook da Annalisa Chirico. “L’ingresso nel Ppe (di cui si è vociferato nelle scorse settimane, ndr) non è all’ordine del giorno. Serve qualcosa di nuovo: un certo tipo di Europa non è in grado di rispondere alle emergenze”, spiega Salvini.

Nel Parlamento europeo la Lega attualmente fa parte del gruppo Identità e Democrazia, del quale la Lega è il maggior componente con 27 deputati ed ha la presidenza, con Marco Zanni. La seconda delegazione è quella del Rassemblement National di Marine Le Pen, con 23 parlamentari.