HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Sicurezza informatica, chiave di volta del decennio digitale secondo il Consiglio dell'UE

Sicurezza informatica, chiave di volta del decennio digitale secondo il Consiglio dell'UE

Adottate le conclusioni sulla strategia per la protezione di cittadini e imprese e il raggiungimento dell'autonomia strategica. Il quadro prevede l'attuazione del pacchetto 5G, una rete di centri operativi e una nuova agenda europea sulle capacità esterne

Bruxelles – È arrivato oggi (lunedì 22 marzo) il via libera del Consiglio dell’Unione Europea alla strategia dell’UE sulla sicurezza informatica, presentata dalla Commissione UE lo scorso 16 dicembre. Con l’adozione delle conclusioni, il Consiglio ha approvato il quadro di azione che punta a proteggere i cittadini europei e le imprese da attacchi informatici nel decennio digitale e promuovere uno spazio digitale aperto, libero e sicuro.

Nelle conclusioni viene sottolineato che “la sicurezza informatica è essenziale per costruire un’Europa resiliente, verde e digitale” e che l’obiettivo-chiave della strategia rimane il “raggiungimento dell’autonomia strategica, preservando un’economia aperta”. Per raggiungere questo traguardo il Consiglio ha evidenziato alcuni settori d’azione che dovranno essere implementati nei prossimi anni: dalla creazione di una rete di centri operativi di sicurezza su tutto il suolo comunitario per monitorare e anticipare i segnali di attacchi informatici, alla completa attuazione delle misure del pacchetto di strumenti 5G dell’UE.

Fa parte di questa strategia anche l’accelerazione sull’adozione di standard di sicurezza di Internet – fondamentali per aumentare il livello generale di sicurezza e la competitività dell’industria europea – lo sviluppo della crittografia per la protezione dei diritti fondamentali e della sicurezza digitale e l’istituzione di un gruppo di lavoro di intelligence informatica. Infine, il Consiglio dell’UE ha ricordato l’importanza del rafforzamento della cooperazione con le organizzazioni internazionali e i Paesi partner per aumentare la resilienza in tutto il mondo, impostando una nuova agenda UE sulle capacità di sicurezza informatica esterne.

ARTICOLI CORRELATI

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri
Digital

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri

Contrastare i "falsi autonomi", arginare il potere decisionale degli algoritmi e obbligare le piattaforme digitali a una maggiore trasparenza. Il Parlamento Ue ha approvato la propria posizione negoziale sulle misure per migliorare le condizioni di lavoro dei Gig workers. La relatrice Gualmini (Pd): "Oggi vincono gli interessi di 28 milioni di lavoratori"