HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Ripresa, Sassoli traccia 'la terza via':
Il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, al vertice sociale di Oporto [Oporto, 7 maggio 2021]

Ripresa, Sassoli traccia 'la terza via': "A green e digitale affiancare politiche sociali"

Il presidente del Parlamento europeo incalza i leader in occasione del vertice informale dei capi di Stato e di governo. "ingannevole pensare che le linee di frattura sociale, allargate dalla pandemia, possano rimarginarsi in fretta"

Bruxelles – Servirà tempo per tornare alla normalità, potranno volerci anni prima di poter dire che il Coronavirus, con le sue conseguenze, è stato sconfitto davvero. Per questo le politiche sociali devono diventare centrali tanto quanto le misure a sostegno di sostenibilità e digitalizzazione dell’economia. David Sassoli invita i leader dell’UE a riscrivere le loro agende politiche. In occasione del vertice informale dei capi di Stato e di governo che segue il summit sociale di Oporto, il presidente del Parlamento europeo invita a dare seguito sin da subito all’accordo trovato tra politica e parti sociali.

“Sarebbe ingannevole pensare che le linee di frattura sociale, allargate dalla pandemia, possano rimarginarsi in fretta e che l’economia e la società possano quindi tornare alla normalità pre-pandemica”, scandisce Sassoli “Più che mai, oltre al Green Deal e alla Strategia digitale, è necessario riaffermare con forza l’esistenza di un terzo pilastro per la ripresa e la trasformazione dell’UE, il Pilastro europeo dei diritti sociali”. Solo così si potrà essere certi che la ripresa sia reale, e allora nell’ambito dei piani nazionali per la ripresa “il Pilastro europeo dei diritti sociali deve essere una guida per la dimensione sociale delle riforme e degli investimenti nazionali”.

Non più solo ‘green’ e ‘digital’, dunque. La strategia comune per l’Europa post-pandemia deve essere anche ‘social’. Ecco la terza via della ripresa secondo Sassoli, che su questo non ha il minimo dubbio. “È a questa condizione che lo strumento per la ripresa e la resilienza ci permetterà di rimettere le nostre economie su un percorso di crescita sostenibile ed equa”. Esorta pertanto i capi di Stato e di governo dell’UE a non accontentarsi a quanto già ottenuto. “Dobbiamo continuare a dare vita, dopo questo vertice, alla necessaria ambizione sociale che deve essere al centro della strategia europea di ripresa”.

Vuol dire mettersi al lavoro, davvero, con visione e determinazione. Vuol dire “definire da subito un’agenda politica forte con obiettivi chiari, ambiziosi e raggiungibili e con chiari indicatori di sostenibilità sociale”. Se il vertice sociale di Oporto ha prodotto un accordo mai visto prima sul tema, il vertice informale del Consiglio europeo che ne è seguito, sempre a Oporto, deve servire per avviare i lavori di attuazione di tutto questo. Sassoli garantisce pieni collaborazione e sostegno per un ruolo di primo piano del Parlamento europeo in questo processo di trasformazione. “È il momento di fare un passo avanti insieme in termini di concretezza, ambizione, obiettivi e diritti sociali”.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio