HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
European Innovation Council, aperti primi bandi Transition per nuove tecnologie: 100 milioni di euro in finanziamenti

European Innovation Council, aperti primi bandi Transition per nuove tecnologie: 100 milioni di euro in finanziamenti

Sono tre i campi in cui si può presentare domanda (entro il 22 settembre): implementazione sul mercato di prove sperimentali in laboratorio, dispositivi medicali per il trattamento clinico e sviluppo efficiente e sostenibile della raccolta e stoccaggio dell'energia

Bruxelles – Con un finanziamento di 100 milioni di euro, sono stati aperti i primi bandi dell’European Innovation Council Transition a sostegno della sviluppo delle nuove tecnologie sul suolo comunitario, sulla scorta dei risultati dei progetti-pilota EIC Pathfinder e Proof of Concept (del Consiglio europeo della ricerca). Sono tre i canali di finanziamento dell’EIC Transition, con il termine per fare domanda fissato al 22 settembre 2021 (qui il link alle opportunità).

Il primo è l’EIC Transition Open, per sostenere le nuove tecnologie di qualsiasi campo scientifico che abbiano già raggiunto la prova di principio sperimentale in laboratorio e che richiedano un’ulteriore convalida prima di essere immesse sul mercato.

L’EIC Transition Challenges (tecnologia e dispositivi medicali) invece è specificamente indirizzato a nuovi dispositivi che rispondono alle esigenze sanitarie di trattamento clinico e cura del paziente.

Infine, l’EIC Transition Challenge (tecnologie di raccolta e stoccaggio dell’energia) finanzia soluzioni innovative per lo sviluppo efficiente e sostenibile della raccolta, conversione e stoccaggio dell’energia. Un settore fondamentale per gli obiettivi del Green Deal, che punta alla realizzazione di sistemi energetici de-carbonizzati e alla transizione verso un’energia sicura ed economica.

ARTICOLI CORRELATI

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri
Digital

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri

Contrastare i "falsi autonomi", arginare il potere decisionale degli algoritmi e obbligare le piattaforme digitali a una maggiore trasparenza. Il Parlamento Ue ha approvato la propria posizione negoziale sulle misure per migliorare le condizioni di lavoro dei Gig workers. La relatrice Gualmini (Pd): "Oggi vincono gli interessi di 28 milioni di lavoratori"