HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Eco-score, la Commissione UE registra la raccolta firme per un'etichetta sull'impatto ambientale dei prodotti

Eco-score, la Commissione UE registra la raccolta firme per un'etichetta sull'impatto ambientale dei prodotti

Da applicare inizialmente ai prodotti alimentari e all'abbigliamento, per poi estenderlo a tutti i prodotti venduti o fabbricati nel mercato europeo. All'iniziativa servono almeno un milione di firme entro un anno da raccogliere in almeno 7 Stati membri, poi la Commissione sarà costretta a rispondere

Bruxelles – Un’etichetta obbligatoria per fornire ai consumatori informazioni sull’impatto ambientale dei prodotti venduti o fabbricati nel mercato europeo. La Commissione Europea ha deciso oggi (30 giugno) di registrare l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) ‘European EcoScore‘, che chiede a Bruxelles un’etichetta trasparente “basata su un calcolo standardizzato” da applicare inizialmente ai prodotti alimentari e all’abbigliamento, ma alla fine mirando a coprire tutti i tipi di prodotti.

Tra le motivazioni degli organizzatori, sono menzionati l’allineamento con le ambizioni del Green Deal e dell’Accordo di Parigi, siglato anche dall’UE nel 2015, per circoscrivere il surriscaldamento globale sotto i 2 gradi. Nella loro proposta, l’etichetta andrebbe posizionata sulla confezione dei prodotti con un sistema semplificato sull’impatto ambientale del prodotto secondo la lettera selezionata (“A” = molto ecologico, mentre “F” = molto dannoso per l’ambiente).

La Commissione – si legge nella nota dell’Esecutivo – ritiene l’iniziativa “legalmente ammissibile” e quindi ha deciso di registrarla. Registrazione significa che ora gli organizzatori possono ora iniziare il processo di raccolta delle firme: se riceverà almeno un milione di firme entro un anno da almeno 7 Stati membri, la Commissione dovrà reagire all’iniziativa cittadina. Per essere considerata ammissibile, un’iniziativa cittadina non deve essere manifestamente abusiva, frivola o vessatoria e non “è manifestamente contraria ai valori dell’Unione”.

ARTICOLI CORRELATI