Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Tassa sul carbonio e clausole specchio negli accordi commerciali, le priorità 'verdi' della Francia alla guida dell'UE
Emmanuel Macron

Tassa sul carbonio e clausole specchio negli accordi commerciali, le priorità 'verdi' della Francia alla guida dell'UE

Chiudere il dossier sul meccanismo di aggiustamento della CO2 alle frontiere e applicare ai prodotti agricoli importati gli stessi standard europei in termini ambientali. Parigi si prepara a lanciare il suo semestre di presidenza dal primo gennaio

Chiudere il dossier sul meccanismo di aggiustamento della CO2 alle frontiere e applicare ai prodotti agricoli importati gli stessi standard europei in termini ambientali. Parigi si prepara a lanciare il suo semestre di presidenza dal primo gennaio
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Eliminazione dei pesticidi e politica commerciale, Macron delinea le priorità agricole della presidenza UE
Agricoltura

Eliminazione dei pesticidi e politica commerciale, Macron delinea le priorità agricole della presidenza UE

Prende forma l'agenda agricola che Parigi porterà avanti nel suo semestre di presidenza dell'UE, a partire da gennaio 2022. La battaglia per la riduzione dei pesticidi dovrà farsi a livello europeo per evitare concorrenza sleale nei confronti degli agricoltori francesi. "Siamo in un mercato unico", spiega il ministro francese per l'agricoltura ribadendo la necessità degli stessi standard ambientali anche per i prodotti importati nella UE
Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali
Agricoltura

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali

Adottata la deroga temporanea alle norme sulla rotazione delle colture e sul mantenimento di elementi non produttivi sui terreni coltivabili per aumentare la capacità produttiva dell'Ue per i cereali destinati ai prodotti alimentari. Bruxelles stima di poter riportare in produzione 1,5 milioni di ettari rispetto ad oggi, gli Stati e gli agricoltori potranno decidere se farvi ricorso