HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Europol: il 2021 della polizia europea

Europol: il 2021 della polizia europea

La lotta è stata soprattutto contro reati, anche molto gravi, commessi attraverso la rete. Quasi il 40 per cento delle reti criminali attive nell'UE è coinvolto nel commercio di droghe e circa il 60 per cento usa la violenza

Bruxelles – Il 2021 è stato un anno impegnativo per tutti, ma la pandemia non ha impedito a Europol, l’Agenzia di assistenza alle polizie dell’Unione europea, di combattere la criminalità, sostenendo con successo centinaia di operazioni, facendo una notevole differenza nel rendere l’Europa più sicura per i cittadini dell’UE, come sottolineano all’Agenzia.

Ecco i sei punti salienti di Europol del 2021:

Criminalità economica e finanziaria: operazione Jumita

Il Centro europeo per la criminalità economica e finanziaria di Europol ha sostenuto quest’anno la Guardia Civil spagnola nello smantellamento di una rete criminale che trafficava cocaina dal Sud America al porto di Algeciras in Spagna. L’operazione Jumita ha portato all’arresto di 29 persone, al sequestro di 1,6 tonnellate di cocaina e alla confisca di 16,5 milioni di euro, il più grande sequestro di contanti da parte di un’organizzazione criminale in Spagna.

Il Centro europeo per la criminalità economica e finanziaria è stato istituito per rafforzare il sostegno operativo di Europol agli Stati membri dell’UE e agli organi dell’UE nella criminalità finanziaria ed economica. Supporta operazioni che si occupano di casi altamente sofisticati di riciclaggio di denaro, truffe e frodi.

Antiterrorismo: smantellamento di una cellula estremista di destra in Finlandia

Il Centro europeo antiterrorismo di Europol ha supportato la polizia finlandese nello smantellamento di una cellula di estremisti di destra in Finlandia, che ha portato a cinque arresti. Durante l’indagine, Europol ha facilitato lo scambio di informazioni e ha supportato il caso con un’analisi operativa. Nella giornata di azione, Europol ha inviato quattro esperti in Finlandia per sostenere le attività sul campo. Questi esperti hanno fornito competenze tecniche sull’identificazione di materiale estremista e analisi specializzate delle prove scoperte durante i raid della polizia.

Il Centro europeo antiterrorismo è stato istituito per funzionare come centro operativo e centro di competenze che riflette la crescente necessità per l’UE di rafforzare la sua risposta al terrorismo. Il suo compito principale è fornire supporto operativo agli Stati membri nelle indagini relative agli attentati terroristici.

Criminalità informatica: rimozione del virus EMOTET

Il Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica di Europol ha supportato le forze dell’ordine e le autorità giudiziarie di tutto il mondo nella rimozione di una delle botnet più importanti dell’ultimo decennio, EMOTET. Il “virus” viene installato nei computer delle vittime tramite e-mail che contengono un collegamento dannoso o un documento infetto. Se le vittime aprono l’allegato o il collegamento, il malware viene installato e i criminali possono installare altri tipi di malware sul computer della vittima.

Per interrompere EMOTET, le forze dell’ordine hanno preso il controllo dell’infrastruttura e l’hanno abbattuta dall’interno. Si tratta di un approccio nuovo e unico per contrastare efficacemente questo tipo di criminalità informatica.

Il Centro europeo per la criminalità informatica ha dato un contributo significativo alla lotta contro questi reati sin dalla sua fondazione presso Europol nel 2013. Mira a rafforzare la risposta delle forze dell’ordine alla criminalità informatica nell’UE e ad aiutare a proteggere i cittadini, le imprese e i governi europei dalla criminalità online.

Criminalità organizzata: operazione Trojan Shield/Greenlight

Il Centro europeo per la criminalità seria e organizzata di Europol ha supportato importanti operazioni nel 2021 per bloccare l’uso criminale delle comunicazioni crittografate, ma tra le più significative c’era l’operazione Trojan Shield/Greenlight.

L’operazione ha comportato lo sviluppo strategico e l’operazione segreta da parte delle forze dell’ordine di una società di dispositivi crittografati chiamata ANOM, che è cresciuto fino a servire più di 12.000 dispositivi crittografati e oltre 300 organizzazioni criminali che operano in più di 100 paesi.

Come risultato dell’operazione, il Federal Bureau of Investigation degli Stati Uniti e 16 paesi partecipanti, supportati da Europol e dalla Drug Enforcement Agency degli Stati Uniti, sono stati in grado di sfruttare l’intelligence dei 27 milioni di messaggi ottenuti. Ciò ha provocato 800 arresti e il sequestro di droghe illegali, armi da fuoco e oltre 48 milioni di dollari in varie valute e criptovalute mondiali. Questa è stata una dimostrazione senza precedenti di collaborazione internazionale nella lotta contro le attività criminali criptate.

Reti criminali: bloccato l’uso illegale delle comunicazioni Sky ECC

Il Centro europeo per la criminalità seria e organizzata ha anche aiutato gli investigatori in Belgio, Francia e Paesi Bassi a bloccare l’uso illegale della comunicazione crittografata Sky ECC da parte di gruppi criminali organizzati su larga scala. Sbloccando con successo la crittografia di Sky ECC, le informazioni acquisite hanno fornito approfondimenti sulle attività criminali in vari Stati membri dell’UE e oltre. Queste informazioni hanno aiutato ad ampliare le indagini ea risolvere la criminalità organizzata grave e transfrontaliera.

Il Centro europeo per la criminalità grave e organizzata sostiene i paesi dell’UE nella loro lotta contro le reti criminali internazionali coinvolte in droga, armi ed esplosivi, proprietà e criminalità ambientale. Il centro ospita anche il Centro europeo per il traffico di migranti, che prende di mira e smantella le reti complesse e sofisticate coinvolte nel traffico di migranti.

Rapporto faro di Europol: valutazione della minaccia di criminalità grave e organizzata 2021

La valutazione della minaccia della criminalità grave e organizzata (SOCTA) 2021 è un’analisi dettagliata della minaccia rappresentata dalla criminalità grave e organizzata che l’UE deve affrontare. Fornisce informazioni ai professionisti, ai decisori e al grande pubblico. Come valutazione della minaccia, SOCTA è un documento che guarda al futuro, valutando i cambiamenti nel panorama della criminalità grave e organizzata. La relazione del 2021 ha rilevato che quasi il 40 per cento delle reti criminali attive nell’UE è coinvolto nel commercio di droghe illegali e circa il 60 per cento usa la violenza nell’ambito delle proprie attività criminali.

SOCTA è prodotto dal Centro operativo e di analisi di Europol. Questo è il centro informativo di Europol in cui gli specialisti selezionano, gestiscono e analizzano tutte le informazioni in entrata. Il centro monitora le operazioni e gli sviluppi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e fornisce analisi agli altri centri di Europol.