HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Conferenza sul futuro dell'Europa, è l'ora delle raccomandazioni dei cittadini su clima e sanità
La sala allestita per la cerimonia di lancio della Conferenza

Conferenza sul futuro dell'Europa, è l'ora delle raccomandazioni dei cittadini su clima e sanità

Da oggi fino a domenica (9 gennaio) i 200 cittadini europei del gruppo dedicato al "cambiamento climatico, ambiente e salute" si riuniranno in Polonia per formulare le raccomandazioni per una riforma dell'UE

Bruxelles – Emergenza climatica e crisi sanitaria. Anche per il terzo panel della Conferenza sul futuro dell’Europa dedicato a clima, ambiente e salute si chiudono i lavori ed è arrivato il momento di formulare le raccomandazioni per riformare l’UE. I duecento cittadini scelti casualmente per questo panel saranno riuniti (chi in presenza, chi virtualmente, data la situazione COVID) da questo pomeriggio fino a domenica (7-9 gennaio) presso il campus del Collegio d’Europa di Natolin (Varsavia, Polonia) con le riunioni plenarie che si terranno al Palazzo della Cultura e della Scienza di Varsavia.

Il COVID-19 sta inevitabilmente rallentando anche il dibattito sul futuro dell’Europa, ma non ha fatto saltare l’ultimo (e il più importante) dei tre appuntamenti di questo panel. Sanità centralizzata a livello europeo, fine dei sussidi ai combustibili fossili, ruolo rafforzato dell’educazione quando si parla di salute e ambiente: sono alcune delle priorità principali emerse nei due dibattiti che hanno preceduto l’incontro di oggi a Varsavia (di cui abbiamo raccolto diverse testimonianze a Strasburgo), ora bisognerà capire come saranno riformulati in raccomandazioni concrete. A metà dicembre è stata la cornice fiorentina a ospitare la formulazione delle prime 39 raccomandazioni alla politica di Bruxelles da parte del secondo panel dedicato alla Democrazia e ai valori, che saranno oggetto di confronto con le Istituzioni durante la plenaria del 21-22 gennaio a Strasburgo. Pandemia permettendo.

Questa volta è il turno del Green Deal e dell’Europa della Salute. Sembrano temi distanti tra loro, ma in realtà sono legati dal tentativo dell’UE di mettere in relazione benessere animale, umano e ambientale in “una salute” (il concetto di ‘One Health’) come se fossero l’una dipendente dall’altra. Nonostante siano strettamente legati, nel quadro della Conferenza sul futuro dell’Europa i due macro-temi non hanno la stessa “presa” sui cittadini europei. Fin dai primi mesi di avvio della Conferenza, l’argomento dei “Cambiamenti climatici e ambiente” è stato tra quelli con più contributi (4.854), secondo solo alla “Democrazia europea” che ha registrato il livello più alto in assoluto (5.104). Sono i temi che oggi stanno più a cuore agli europei, come conferma la terza relazione intermedia sulla piattaforma digitale multilingue (aggiornata fino al 3 novembre), su cui tutti i cittadini europei (non solo quelli scelti per partecipare ai panel) possono contribuire con idee, proposte e altre iniziative che contribuiscano a questo dibattito.

Contributi per ciascun argomento sulla piattaforma (dal 19/04/2021 al 3/11/2021)

Sull’emergenza ambientale, la maggior parte dei contribuiti chiede misure concrete per affrontarli, come sovvenzioni e fiscalità ambientali, nonché iniziative di istruzione e comunicazione a livello dell’UE per sensibilizzare meglio sull’argomento. Di contro, la più grande sorpresa di questa Conferenza sul futuro dell’Europa è che anche durante la crisi sanitaria l’argomento che sulla piattaforma riscuote meno interesse (circa 1.413 contributi) è proprio la sanità e le scarse competenze di Bruxelles in materia.

Tra le proposte della piattaforma e quelle emerse finora nei dibattiti, uno dei temi ricorrenti è la parità di accesso a un’assistenza sanitaria di elevata qualità e a prezzi abbordabili per tutti i cittadini europei. Le richieste vanno da maggiori investimenti nella ricerca sanitaria a un sistema di coordinamento rafforzato a livello europeo, passando per una “sanità garantita per tutti”. Anche qui, bisognerà capire in che termini saranno riformulate queste richieste in proposte concrete.

Il COVID-19 ha “risparmiato” il panel del clima e della sanità, ma non altrettanto ha fatto per il quarto e ultimo panel di 200 cittadini che si sarebbe dovuto incontrare dal 14 al 16 gennaio a Maastricht nei Paesi Bassi, per discutere di Unione Europea nel mondo e in relazione alle migrazioni. Quattro panel in tutto e solo due di questi sono riusciti a tenere l’ultimo incontro fisicamente, in persona. Tante le aspettative di tutti sulla plenaria di gennaio – che per ora resta confermata, secondo la vice presidente Dubravka Suica – che si terrà a Strasburgo e che ospiterà la prima vera interazione dei cittadini con i rappresentanti delle istituzioni dell’UE su queste raccomandazioni. La recrudescenza del virus che il Continente sta vivendo potrebbe costringere il consiglio esecutivo a rimandarla ancora o a spostarla online come in precedenza, compromettendo anche l’esito di questo confronto.

ARTICOLI CORRELATI

Verde, digitale e sociale: l'agenda di Macron alla guida dell'UE, che dovrà concludere il dibattito sul futuro dell'Europa
Politica

Verde, digitale e sociale: l'agenda di Macron alla guida dell'UE, che dovrà concludere il dibattito sul futuro dell'Europa

Dal primo gennaio fino al 30 giugno Parigi guiderà il Consiglio UE cercando di finalizzare un accordo sul salario minimo, la tassa sulla CO2 alle frontiere e la regolamentazione delle piattaforme digitali. Sei mesi di presidenza che per Macron coincidono con il tentativo di mantenere saldo il suo posto all'Eliseo e di non deludere le aspettative dei cittadini sulla Conferenza sul futuro dell'Europa
INTERVISTA / Dubravka Šuica:
Politica

INTERVISTA / Dubravka Šuica: "Pronti a rendere strutturale il coinvolgimento dei cittadini nelle scelte dell'UE"

La co-presidente della Conferenza sul futuro dell'Europa sottolinea che uno dei modi per dare seguito al processo sarà dare carattere strutturale alla partecipazione dei cittadini nel meccanismo decisionale europeo. "La democrazia deliberativa integra meravigliosamente la democrazia rappresentativa", ma essenziale resta non deludere le loro aspettative