Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina NATO Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
L'UE

L'UE "preoccupata" per l'impatto della guerra in Ucraina sui mercati dei cereali. Domani riunione straordinaria dei ministri dell'agricoltura

Russia e Ucraina rappresentano oltre il 30 per cento del commercio mondiale di grano, ha detto Michael Scannell vice direttore generale della Direzione generale agricoltura della Commissione Europea in un confronto con la commissione per l’agricoltura (AGRI) del Parlamento Europeo. Si temono conseguenze sulla filiera agroalimentare

Russia e Ucraina rappresentano oltre il 30 per cento del commercio mondiale di grano, ha detto Michael Scannell vice direttore generale della Direzione generale agricoltura della Commissione Europea in un confronto con la commissione per l’agricoltura (AGRI) del Parlamento Europeo. Si temono conseguenze sulla filiera agroalimentare
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Ucraina, l'UE
Green Economy

Ucraina, l'UE "non metterà il gas russo davanti ai diritti umani". L'autonomia energetica è la chiave per smettere di finanziare la guerra di Putin

In plenaria dell'Europarlamento e di fronte al presidente ucraino collegato da remoto, i vertici europei tentano di parlare con una sola voce anche quando si parla di ridurre la dipendenza europea da Mosca. Massicci investimenti nel Green Deal sono un "investimento strategico" anche per smettere di finanziare la guerra di Putin, dice von der Leyen
Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali
Agricoltura

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali

Adottata la deroga temporanea alle norme sulla rotazione delle colture e sul mantenimento di elementi non produttivi sui terreni coltivabili per aumentare la capacità produttiva dell'Ue per i cereali destinati ai prodotti alimentari. Bruxelles stima di poter riportare in produzione 1,5 milioni di ettari rispetto ad oggi, gli Stati e gli agricoltori potranno decidere se farvi ricorso