HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
La Corte penale internazionale dell'Aia annuncia un portale per denunciare i crimini in Ucraina

La Corte penale internazionale dell'Aia annuncia un portale per denunciare i crimini in Ucraina

Negli scorsi giorni le autorità di Kiev avevano istituito un archivio online proprio per documentare le violazioni russe dei trattati internazionali

Bruxelles – La Corte penale internazionale (CPI) ha annunciato l’apertura di un portale ad hoc, dedicato a chiunque possa avere informazioni rilevanti sui crimini di guerra perpetrati in Ucraina. Lo ha reso noto il procuratore capo Kharim Khan, in seguito all’apertura (il 2 marzo) dell’indagine (IC-01/22) sui crimini commessi nel Paese dal 21 novembre 2013.

“Sono soprattutto i testimoni, i sopravvissuti e le comunità colpite a dover essere messi nelle condizioni di contribuire attivamente alle nostre indagini”, sostiene Khan nel comunicato stampa. Aggiunge: “Non possono esserci spettatori negli nostri sforzi per stabilire la verità e perseguire i responsabili dei crimini internazionali”. Le prove che sta raccogliendo dalla Corte dell’Aia coprono un lasso di tempo che va dalle violenze avvenute durante le manifestazioni pro-europee osteggiate con violenza dall’allora amministrazione filo-russa chiamate Euromaidan (21 novembre 2013) agli ultimi eventi dopo l’aggressione russa.

Il nuovo canale si pone l’obiettivo di creare un contatto diretto con gli investigatori della CPI. Si procede compilando un modulo identificativo, per poi essere (eventualmente) ricontattati per fornire delle prove o fare un breve colloquio. È possibile mantenere l’anonimato, per quanto, in questo caso, le informazioni diventano “più difficili da usare nei procedimenti giudiziari”, come riporta il portale.

La Missione consultiva dell’Unione Europea (EUAM), che era in Ucraina prima della guerra, verrà ora utilizzata per cooperare e “per garantire l’indagine (della Corte, ndr) e la raccolta delle prove sul campo”, come ha affermato l’Alto rappresentante Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell, nella conferenza stampa dopo il Consiglio degli affari esteri di oggi (11 aprile). La Missione è nel Paese dalla fine del 2014, con l’obiettivo di sostenere l’Ucraina nello sviluppo di servizi di sicurezza che rafforzino lo stato di diritto. “Sosterremo i procuratori sia finanziariamente che con il nostro team”, ha sottolineato Borrell.

Già negli scorsi giorni le autorità ucraine avevano istituito un archivio online proprio allo scopo di documentare i crimini di guerra russi. Il sito, in inglese, riporta materiale fotografico e singole storie, riferibili a violazioni delle Convenzioni di Ginevra, una serie di trattati internazionali nati per tutelare le associazioni umanitarie e i civili in caso di guerra. Uno dei “capitoli” dell’archivio cita l’articolo 3, della IV Convenzione: “Le persone che non prendono parte attiva alle ostilità dovranno, in ogni circostanza, essere trattate umanamente”. Un altro, il divieto di torturare o prendere ostaggi (articoli 32 e 34 della IV Convenzione), un altro ancora, quello di deportare individui o gruppi di persone (art. 49).

“Le prove raccolte delle atrocità commesse dall’esercito russo in Ucraina garantiranno che questi criminali di guerra non sfuggano alla giustizia”, aveva dichiarato il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba nel tweet che annunciava la nascita dell’archivio.

ARTICOLI CORRELATI