HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
In Bulgaria la prima task force regionale della piattaforma UE di acquisto congiunto per l'energia

In Bulgaria la prima task force regionale della piattaforma UE di acquisto congiunto per l'energia

Istituita dopo il taglio alle forniture di gas da parte della Russia

Bruxelles – Sarà istituita in Bulgaria la prima task force regionale della piattaforma di acquisto congiunto di energia dell’UE, per monitorare il fabbisogno di gas ed elettricità, i prezzi e i flussi, nonché gli aspetti infrastrutturali. Una decisione che arriva oggi (28 aprile) dopo una serie di incontri tra la Commissione Europea e il vice primo ministro bulgaro Assen Vassilev, dopo l’annuncio di ieri della Russia di interrompere le forniture di gas a Sofia e Varsavia.

La Bulgaria è dipendente dal gas russo per il 90 per cento delle sue forniture, e ha riserve piene a meno del 20 per cento della propria capacità. Il taglio da parte di Mosca arriva mentre si va verso la stagione più calda, dove diminuisce anche la domanda di gas per il riscaldamento. La task force regionale si concentrerà soprattutto sull’anno a venire e fornirà “competenze e know-how regionali specifici per sviluppare e attuare il piano d’azione REPowerEU per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi, riempire lo stoccaggio prima del prossimo inverno e accelerare ulteriormente la decarbonizzazione del settore energetico”, precisa una nota della Commissione Europea. La Bulgaria raggiungerà i paesi vicini con questa task force e organizzerà la prima riunione ministeriale il 5 maggio.

ARTICOLI CORRELATI

Per l'UE pagare il gas russo in rubli
Economia

Per l'UE pagare il gas russo in rubli "è una violazione delle sanzioni" contro Mosca. A Bruxelles si cerca un approccio coordinato, ma si rischia un ordine sparso

La Commissione Europea precisa che accettare il ricatto del Cremlino sul pagamento in rubli del gas potrebbe significare una violazione delle sanzioni varate per la guerra in Ucraina dal momento che la conversione coinvolgerebbe anche la Banca centrale russa, soggetta alle misure restrittive. Secondo varie indiscrezioni, più di una compagnia in UE avrebbe aperto il doppio conto in Gazprombank