HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Le sanzioni sul petrolio russo continuano a dividere gli Stati UE, von der Leyen vola a Budapest

Le sanzioni sul petrolio russo continuano a dividere gli Stati UE, von der Leyen vola a Budapest

Frena soprattutto l'Ungheria, che pone il veto. I lavori proseguono a tutti i livelli. Alla fine la presidente dell'esecutivo comunitario modifica la sua agenda in corso d'opera

Bruxelles – Le nuove sanzioni energetiche contro la Russia restano in sospeso. Lo stop alle forniture di petrolio continuano a dividere gli Stati. Restano le perplessità di Slovacchia, Repubblica ceca e soprattutto Ungheria, non convinte sulla strategia e soprattutto sui meccanismi di compensazione. Il ministro degli Esteri di Budapest, Péter Szijjártó, ha messo in chiaro che “non voteremo un altro pacchetto di sanzioni finché non sarà trovata una soluzione per la sicurezza energetica dell’Ungheria”. Lo stato membro dell’est teme ripercussioni sia di approvvigionamenti sia di funzionamento del sistema economico-produttivo, timori condivisi dai partner ceco e slovacco, e il veto ungherese ha reso impossibile un accordo nel week-end, mandando in aria i piani delle istituzioni comunitarie e costringendo la presidente dell’esecutivo comunitario, Ursula von der Leyen, a recersi a Budapest per affrontare la questione di persona.

L’obiettivo dichiarato era di trovare un accordo tra i 27 entro lunedì, 9 maggio, e la riunione straordinaria convocata di domenica (8 maggio) si è conclusa con un nulla di fatto. E’ la quarta riunione convocata per il pacchetto che si aggiorna a nuova seduta. Serviranno ulteriori consultazioni e lavori a livello tecnico. Il Coreper, il consesso che riunisce gli ambasciatori degli Stati membri, è pronto a riconvocare una sessione di lavoro appena possibile, anche se i delegati hanno abbandonato il tavolo senza fornire una data, neppure indicativa.

Rispetto alle proposte originarie, la Commissione UE ha introdotto modifiche per venire incontro a Slovacchia e Ungheria, prevedendo per loro una deroga. Bratislava e Budapest avrebbero la facoltà di allinearsi più tardi allo stop di acquisti a Mosca, e potrebbero continuare ad acquistare petrolio russo per altri due anni. Mentre per la Repubblica ceca l’esenzione sarebbe per un periodo più limitato. Proposte che non sono bastate.

“Non sembrano esserci divisioni insuperabili”, confidano fonti UE, ma intanto lo stop al greggio di Putin resta su carta. Resta la consapevolezza della necessità di adottare il sesto pacchetto di sanzioni, ci sono stati piccoli passi avanti, ma “resta ancora del lavoro da fare, sulla base del principio di solidarietà europea”, per garantire la sicurezza degli approvvigionamenti per gli Stati membri con oggettive difficoltà infrastrutturali. I lavori tra gli ambasciatori sono in questo momento inframmezzati da contatti a tutti i livelli, tra presidenza di turno del Consiglio (Francia), Commissione europea e governi. Si tratta di dare garanzia e rassicurazioni a quanti ancora nutrono perplessità, a cominciare dall’Ungheria, ed eliminare gli elementi che continuano a dividere i Ventisette.

Il nodo non è politico, assicurano a Bruxelles, ma tecnico. C’è una questione di riconversione strutturale e di certezza dei rifornimenti. E’ su tutto questo si continuerà a discutere a livello tecnico. Se non si dovesse trovare una quadra non è da escludere la possibilità di una discussione a livello di capi di Stato e di governo. Von der Leyen decide quindi di modificare la sua agenda. Partecipa alla giornata conclusiva della Conferenza sul futuro dell’Europa, e lascia Strasburgo alla volta di Budapest. Un annuncio che ben rende il senso di urgenza e delicatezza.

ARTICOLI CORRELATI

L'embargo sul petrolio russo spacca gli Stati UE
Politica

L'embargo sul petrolio russo spacca gli Stati UE

Fumata nera alla terza riunione tra gli ambasciatori Ue, la decisione sul sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia per l'invasione dell'Ucraina slitta al fine settimana. I Ventisette cercheranno una quadra entro lunedì, mentre il capo della diplomazia europea Josep Borrell si dice pronto a convocare una riunione degli Esteri
Ursula von der Leyen propone agli Stati UE l'embargo su tutto il petrolio russo, ma sarà graduale
Cronaca

Ursula von der Leyen propone agli Stati UE l'embargo su tutto il petrolio russo, ma sarà graduale

In plenaria a Strasburgo la presidente della Commissione presenta la sua proposta per il sesto pacchetto di sanzioni contro Mosca, prevedendo di eliminare gradualmente la fornitura all'UE di petrolio greggio entro sei mesi e di prodotti raffinati del petrolio entro la fine dell'anno. Scollegate dal sistema SWIFT altre tre banche russe, tra cui Sberbank, e nella lista nera finiscono alti ufficiali russi responsabili di crimini a Bucha e dell'assedio di Mariupol