HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Più 'verde' e moderna, l'UE lancerà l'iniziativa 'RepowerUkraine' per la ricostruzione energetica di Kiev
Frans Timmermans e Kadri Simson in conferenza stampa presentano il RepowerEU

Più 'verde' e moderna, l'UE lancerà l'iniziativa 'RepowerUkraine' per la ricostruzione energetica di Kiev

Dopo la sincronizzazione della rete elettrica di Kiev a quella europea in soli tre giorni, l'Esecutivo europeo si impegna nella ricostruzione del Paese martoriato dalla guerra di Putin anche dal punto di vista energetico

Bruxelles – Un ‘RePowerEu’ per ricostruire un’Ucraina più verde e più moderna energeticamente dopo la guerra. Prende forma nelle intenzioni della Commissione Europea l’idea di lanciare un’iniziativa specifica – che si chiamerà ‘RePowerUkraine’ – per la ricostruzione del sistema energetico di Kiev una volta che l’invasione della Russia di Vladimir Putin, iniziata lo scorso 24 febbraio, sarà finita.

L’Esecutivo europeo “sosterrà l’Ucraina nella ricostruzione di un sistema energetico verde e moderno dopo la guerra”, ha annunciato ieri (18 maggio) la commissaria responsabile per l’Energia, Kadri Simson, nel presentare in conferenza stampa il vasto piano da potenziali 300 miliardi di euro ‘RePower EU’ per dire addio ai combustibili fossili importati dalla Russia al più tardi entro il 2027. Bruxelles rinnova “il nostro impegno nei confronti dell’Ucraina e di altri vicini fortemente colpiti dalla guerra”, ha detto la commissaria aggiungendo che “l’UE continuerà a fornire forniture di energia e a lavorare per rendere possibile il commercio di elettricità con l’Ucraina”.

Dal punto di vista energetico, la guerra di Putin ha avuto tra le prime conseguenze l’accelerazione delle tappe per sincronizzare la rete elettrica dell’Ucraina a quella europea, così da affrancare il Paese dalla dipendenza energetica dalla Russia. A metà marzo la Commissione Europea ha annunciato che entrambe le reti elettriche di Ucraina e Moldova sono state sincronizzate “con successo” con la rete dell’Europa continentale per aiutare i due Paesi a mantenere stabile il “proprio sistema elettrico, le case calde e le luci accese” anche durante la guerra della Russia in Ucraina. Per quanto riguarda Kiev, la sincronizzazione delle rete elettrica con quella europea era un progetto che Bruxelles portava avanti da tempo considerandolo strategico per diversificare i fornitori di elettricità e rafforzare l’autonomia energetica del Paese dalla Russia.

Bruxelles intende andare oltre per coinvolgere a pieno Kiev nella strategia energetica dell’UE. L’intenzione è stata riaffermata oggi da Simson in un lungo intervento in sessione di mini-plenaria dell’Europarlamento in corso a Bruxelles. “Lanceremo l’iniziativa RePowerUkraine'” di sostegno energetico e di rilancio delle infrastrutture dell’Ucraina, ha detto ai deputati, ricordando quanto sia ora reale la possibilità per l’intera Unione di andare incontro a tagli alle forniture di gas da parte del Cremlino. Solo tre settimane fa la “Russia ha tagliato le forniture di gas a Bulgaria e Polonia, minacciando un taglio alle forniture di combustibili fossili a tutta l’UE” e questo “ancora una volta dimostra che la Russia non è un partner su cui possiamo contare ed è per questo che la Commissione UE ieri ha presentato il piano Repower EU per dire addio alle risorse fossili importate da Mosca” al più tardi entro il 2027 “e sostituirle con energia pulita e affidabile”.

I piani della ricostruzione ‘verde’ di Kiev, per ora solo abbozzati nelle parole della Commissione, si inquadro nel più ampio piano di Bruxelles per la ricostruzione del Paese e della ripresa della sua economia gravata dalla guerra. E’ di ieri la proposta di dare vita a una piattaforma per la ricostruzione dell’Ucraina che sarà co-presieduta dall’esecutivo comunitario e dal governo di Kiev per andare a individuare quali sono i settori prioritari a cui destinare i finanziamenti e quali progetti mettere in atto attraverso il piano di ricostruzione che prenderà il nome di RebuildUkraine.

ARTICOLI CORRELATI

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo
Economia

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo

Nuovi obiettivi su efficienza energetica e rinnovabili, spinta su idrogeno e biometano ma anche acquisti congiunti di gas e obbligo per gli Stati membri di installare sui tetti degli edifici pannelli solari, gradualmente tra il 2026 e il 2029. Bruxelles stima che per liberarsi dalle importazioni russe al più tardi entro il 2027 serviranno investimenti aggiuntivi per 210 miliardi
Parigi e Berlino in 'missione' a Washington prima del Vertice Ue. A Bruxelles sfuma l'idea di nuovo debito comune per il Piano industriale green
Economia

Parigi e Berlino in 'missione' a Washington prima del Vertice Ue. A Bruxelles sfuma l'idea di nuovo debito comune per il Piano industriale green

I Ventisette su posizioni distanti prima del Vertice Ue che giovedì e venerdì riunirà i leader nella capitale belga per discutere della risposta al piano Usa contro l'inflazione. Le Maire e Habeck incontreranno domani il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen per cercare di negoziare aggiustamenti al grande piano americano