HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Gas, al Vertice UE i leader discuteranno di un piano di emergenza coordinato in caso di tagli alle forniture dalla Russia
Un'entrata alla sala dove si riunisce il Consiglio europeo [foto: Consiglio europeo]

Gas, al Vertice UE i leader discuteranno di un piano di emergenza coordinato in caso di tagli alle forniture dalla Russia

Nella bozza di conclusioni, la richiesta ai governi di preparare con urgenza capitoli dedicati da aggiungere ai piani nazionali di ripresa e resilienza per attuare gli obiettivi del piano 'REPowerEU', con cui Bruxelles intende liberarsi dalla dipendenza dagli idrocarburi russi. I capi di Stato e governo riuniti a Bruxelles il 30 e 31 maggio per un Vertice straordinario dedicato ai temi della difesa e dell'energia nel contesto della guerra in Ucraina

Bruxelles – Riduzione della dipendenza da tutti i combustibili fossili russi, soprattutto gas. Accordi di solidarietà bilaterali in caso di tagli alle forniture di energia e nuovi capitoli di spesa nel PNRR per attuare il RePowerEU’. Sono tanti i temi all’ordine del giorno del Vertice UE straordinario che si terrà il 30-31 maggio a Bruxelles, convocato dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel a inizio aprile per discutere di difesa ed energia, in relazione alla guerra in Ucraina.

Mercoledì 18 maggio la Commissione Europea ha presentato il piano con cui intende rendersi indipendente da tutti i combustibili russi entro il 2027, principalmente attraverso la diversificazione dei fornitori di energia, spinta sulle energie rinnovabili e abbattimento dei consumi energetici. Oggi complessivamente l’UE dipende per il 40 per cento dal gas, 45 per cento del carbone e 27 per cento dal petrolio importati da Mosca. Le proposte messe sul tavolo dalla Commissione Europea, saranno la base delle discussioni che terranno i capi di stato e governo, in un Consiglio che si preannuncia denso e teso viste le divisioni tra i governi sulle questioni energetiche.

La “preparazione a possibili gravi interruzioni dell’approvvigionamento e la resilienza del mercato del gas dell’UE dovrebbero essere migliorate, in particolare concordando rapidamente accordi di solidarietà bilaterali e un piano europeo coordinato di emergenza”, si legge nella bozza di conclusioni finali del Consiglio che Eunews ha potuto vedere. Come sempre accade, la bozza di conclusioni sarà rivista più volte in questi dieci giorni prima di approdare sul tavolo dei leader ma è indicativa su quali saranno i temi principali di discussione al Summit. E’ significativo però, che dopo avere messo a punto dei piani nazionali di emergenza in caso di brusche interruzioni delle forniture di gas da parte di Mosca (come è avvenuto per la Bulgaria, la Polonia e ora la Finlandia), ora si pensa a un piano di emergenza che sia coordinato a livello europeo, anche attraverso la piattaforma di acquisti congiunti di energia che la Commissione è chiamata a istituire “già prima del prossimo inverno”, per comprare il gas e più avanti anche l’idrogeno per conto degli Stati membri.

Il Consiglio europeo “inviterà gli Stati membri a preparare rapidamente capitoli dedicati da aggiungere ai piani nazionali di ripresa e resilienza – i PNRR, varati nel contesto della ripresa dalla pandemia COVID-19 – per attuare gli obiettivi del piano REPowerEU attraverso la mobilitazione di fondi dello strumento temporaneo di ripresa e resilienza (Recovery and Resilience Facility) e altri fondi”, si legge ancora nella bozza. L’aggiustamento dei PNRR richiesto da Bruxelles per attuare gli obiettivi del REPowerEU – la grande novità della proposta della Commissione Europea – sarà al centro della discussione. Per finanziare il piano presentato mercoledì, una parte delle risorse arriverà proprio dai prestiti non utilizzati del Recovery Fund, che la Commissione Europea ha stimato in circa 225 miliardi di euro. Questo è possibile perché non tutti i governi hanno deciso di chiedere i prestiti del fondo di ripresa, avranno un mese di tempo per chiedere di usufruirne e se non lo faranno, quelle risorse saranno redistribuite tra gli altri Stati membri.

Al testo di conclusioni si affida anche l’impegno a “eliminare gradualmente la dipendenza dell’UE da gas, petrolio e carbone”, tutti i combustibili fossili importati dalla Russia. Si prevedono attriti tra i governi UE sulla necessità di porre fine alle importazioni di fossili dalla Russia nel più breve tempo possibile, dal momento che ancora sono divisi sul sesto pacchetto di sanzioni contro Mosca, in cui la Commissione Europea ha proposto di inserire un embargo graduale sul petrolio russo. Il sesto pacchetto di sanzioni con l’embargo petrolifero sarà il grande elefante nella stanza al Vertice che si terrà tra poco meno di dieci giorni. Dopo settimane di lavoro a livello tecnico, le Capitali ancora non hanno trovato un compromesso e dunque spetterà probabilmente ai capi di Stato e governo a fine mese sbloccare lo stallo. La Commissione Europea spera di superare il veto di Ungheria (e anche Slovacchia) grazie alle nuove risorse messe sul piatto nel piano REPower EU, che dovrebbero aiutare le capitali nel dire addio alla dipendenza dagli idrocarburi russi.

ARTICOLI CORRELATI

La Russia interrompe i flussi di gas verso la Finlandia
Cronaca

La Russia interrompe i flussi di gas verso la Finlandia

A partire da sabato mattina, il gigante energetico russo Gazprom taglierà le forniture di gas verso la Finlandia, che come Polonia e Bulgaria si è rifiutata di pagare le importazioni energetiche in rubli. La compagnia di bandiera Gasum ha assicurato che continuerà a fornire ai propri clienti "gas naturale da altre fonti attraverso il gasdotto Balticconnector", il primo gasdotto che collega Finlandia ed Estonia
Accordo tra Consiglio e Parlamento per stoccaggi di gas pieni al 90 per cento prima dell'inverno
Green Economy

Accordo tra Consiglio e Parlamento per stoccaggi di gas pieni al 90 per cento prima dell'inverno

Obiettivi comuni di riempimento delle riserve prima di ogni inverno almeno fino al 2025, per scongiurare crisi di approvvigionamento. Alla Commissione Europea richiesto un meccanismo (volontario) per l'approvvigionamento congiunto di gas, per ottenere prezzi più bassi sugli ordini di grandi dimensioni ma anche per scongiurare concorrenza tra Stati sulle forniture
RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo
Economia

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo

Nuovi obiettivi su efficienza energetica e rinnovabili, spinta su idrogeno e biometano ma anche acquisti congiunti di gas e obbligo per gli Stati membri di installare sui tetti degli edifici pannelli solari, gradualmente tra il 2026 e il 2029. Bruxelles stima che per liberarsi dalle importazioni russe al più tardi entro il 2027 serviranno investimenti aggiuntivi per 210 miliardi