HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
I ministri del G7 hanno stabilito obiettivi a strategie misurabili su clima, energia e transizione verde

I ministri del G7 hanno stabilito obiettivi a strategie misurabili su clima, energia e transizione verde

Dalla dichiarazione congiunta dei rappresentanti dei sette Paesi emerge la volontà di accelerare sulle tempistiche e sostenere la lotta ai cambiamenti climatici con più finanziamenti internazionali. L'urgenza è dettata anche dalle conseguenze della guerra russa in Ucraina

Bruxelles – Oltre le dichiarazioni d’intenti, emergono strategie misurabili dal vertice dei ministri del Clima, dell’energia e dell’ambiente del G7 a Berlino. Lotta al cambiamento climatico, tutela della biodiversità e sicurezza energetica: non cambiano gli obiettivi di breve e lungo termine, ma si fanno sempre più serrati i tempi e le necessità di finanziare la transizione verde.

L’energia è la questione urgente, considerate le conseguenze della guerra russa in Ucraina sui mercati internazionali e sull’amento dei prezzi di petrolio, gas, carbone e minerali. “Entro la fine dell’anno” serviranno “progressi significativi” sull’efficienza energetica e sull’introduzione di tecnologie pulite, sicure e sostenibili, ma anche sulla diversificazione dell’approvvigionamento dell’Europa, si legge nella dichiarazione congiunta. Si potranno sfruttare forniture di gas naturale liquefatto (GNL) e considerare “misure efficaci” per fermare l’aumento dei prezzi, senza compromettere la politica climatica.

Ecco perché, a livello di impegni sul clima, le economie del G7 dovranno anche impegnare “almeno 1.300 miliardi di dollari in fonti rinnovabili, triplicando gli investimenti in energia pulita e reti elettriche tra il 2021 e il 2030” ed eliminando i rallentamenti alle procedure di autorizzazione. In questo modo si favorirà la sicurezza delle forniture e la riduzione dei rischi climatici legati alla dipendenza dalle fonti fossili, oltre alla crescita economica e la “creazione di 2,6 milioni di posti di lavoro nel prossimo decennio”. Da rilevare l’impegno “entro il 2030” sulla parità di retribuzione e di genere nel settore dell’energia pulita.

Sempre sul piano delle rinnovabili, sarà necessario “un settore elettrico prevalentemente decarbonizzato entro il 2035”, con la priorità di eliminare la produzione di energia dal carbone non abbattuto e i sussidi ai combustibili fossili “entro il 2025”. Allo stesso modo, si dovrà garantire che il settore stradale sia “altamente decarbonizzato entro il 2030”. Per quanto l’idrogeno a basse o zero emissioni abbia un “ruolo centrale” nel futuro – e per questo il G7 Clima ha lanciato l’Hydrogen Action Pact sulla cooperazione nel suo sviluppo, regolamentazione e promozione – ci si aspetta che “nel prossimo decennio” più Paesi adottino il nucleare nel proprio mix energetico, attraverso tecnologie avanzate come i reattori modulari di piccole dimensioni.

Cruciale la questione dell’azzeramento netto delle emissioni di gas serra entro il 2050, a cui tutti i Paesi si devono allineare “con urgenza”. Contro i cambiamenti climatici sono due gli impegni da sottolineare del G7: una “mobilitazione congiunta di 100 miliardi di dollari il prima possibile e fino al 2025” per azioni di mitigazione “significative” e lo stop ai nuovi sostegni pubblici diretti al settore dei combustibili fossili non abbattuti “entro la fine del 2022”, fatte salve “circostanze limitate e chiaramente definite”. Sarà necessario anche “raddoppiare entro il 2025” l’erogazione di finanziamenti ai Paesi in via di sviluppo per l’adattamento agli obiettivi climatici e per rafforzare il valore di queste iniziative sulla decarbonizzazione si promuoverà l’istituzione di un Club del Clima internazionale “aperto e cooperativo”.

Il capitolo sulla protezione della natura sottolinea l’urgenza della “mobilitazione di risorse finanziarie private e pubbliche, nazionali e internazionali entro il 2025” e l’eliminazione delle sovvenzioni dannose per la biodiversità “al più tardi entro il 2030. Dopo il successo della Roadmap di Bologna sull’economia circolare, il G7 Clima ha adottato la Roadmap di Berlino per implementare gli strumenti sul raggiungimento degli obiettivi climatici. Inoltre, è stata fissata la data del 2030 per la conservazione e la protezione di terre, acque terrestri e oceani (per i quali è stato chiesto uno “strumento internazionale giuridicamente vincolante” sulla diversità marina nelle acque internazionali).

ARTICOLI CORRELATI

Dal bando al petrolio russo al 'price-cap' sul gas, il vertice dei leader Ue rischia di chiudersi in un nulla di fatto
Politica

Dal bando al petrolio russo al 'price-cap' sul gas, il vertice dei leader Ue rischia di chiudersi in un nulla di fatto

Dai finanziamenti al piano 'REPowerEu' per l’indipendenza dall’energia russa al tetto al prezzo del gas, passando per l'embargo che l'UE vuole imporre al petrolio in arrivo da Mosca. I capi di Stato e governo si incontreranno a Bruxelles il 30-31 maggio in un Consiglio europeo straordinario che si risolverà in poche decisioni concrete
RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo
Economia

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo

Nuovi obiettivi su efficienza energetica e rinnovabili, spinta su idrogeno e biometano ma anche acquisti congiunti di gas e obbligo per gli Stati membri di installare sui tetti degli edifici pannelli solari, gradualmente tra il 2026 e il 2029. Bruxelles stima che per liberarsi dalle importazioni russe al più tardi entro il 2027 serviranno investimenti aggiuntivi per 210 miliardi