Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Al via l'Assemblea dell'Onu fra clima, energia e guerra. Guterres:

Al via l'Assemblea dell'Onu fra clima, energia e guerra. Guterres: "In arrivo inverno di malcontento"

Il segretario generale delle Nazioni Unite ha aperto l'Assise a a New York con un discorso duro: "Siamo bloccati da una colossale disfunzione globale, queste crisi minacciano il futuro stesso dell'umanità e il destino del pianeta"

Torino – Dopo due anni segnati dalla pandemia da Covid-19, i leader del mondo tornano a incontrarsi in presenza all’Assemblea Generale dell’Onu a New York. Ad accoglierli con il discorso inaugurale non è il presidente del Paese ospitante, Joe Biden, di ritorno dai funerali della Regina Elisabetta II (il suo discorso è previsto per domani). Ci pensa il segretario generale dell’Onu, António Guterres, a fare gli onori di casa. Ma, di certo, non prefigurando uno scenario roseo per presente e futuro. Anzi. “Un inverno di malcontento è all’orizzonte”, è l’ouverture. E, man mano che va avanti, le cose non migliorano.

Guterres tocca tutti i punti caldi per il mondo intero. Guerra, energia, clima. Il segretario Onu descrive un mondo “paralizzato” dalle divisioni nonostante le crisi in atto, dalla guerra in Ucraina al riscaldamento globale. “La crisi del potere d’acquisto sta imperversando, la fiducia si sta sgretolando, la disuguaglianza sta esplodendo, il nostro pianeta sta bruciando”, eppure “siamo bloccati da una colossale disfunzione globale”, ragiona, spiegando che “queste crisi minacciano il futuro stesso dell’umanità e il destino del pianeta”. Quello del segretario generale dell’Onu è un invito a non farsi illusioni, perché “siamo in un mare in tempesta, si prospetta un inverno di malcontento globale”.

Una sottolineatura, ovviamente, anche sulla crisi energetica, con l’invito ai Paesi ricchi a tassare gli extra-profitti delle compagnie energetiche e a “reindirizzarli” in parte ai Paesi che subiscono maggiori “perdite e danni” a causa degli impatti devastanti del cambiamento climatico e alle popolazioni che soffrono per l’inflazione. A due mesi dalla conferenza delle Nazioni Unite sul clima Cop27 in Egitto, “l’azione per il clima è passata in secondo piano” rispetto ad altre crisi, denuncia Guterres, chiedendo di porre fine alla “nostra guerra suicida alla natura”.

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia è citata fra i pericoli che stanno minacciando il mondo. La guerra sarà al centro di questa settimana diplomatica di alto livello, includendo l’intervento, previsto mercoledì, del presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, oltre a una riunione del Consiglio di sicurezza giovedì a livello di ministri degli Esteri. Martedì saliranno sul podio il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, il presidente turco, Recep Tayyip Erdoğan, il primo ministro giapponese, Fumio Kishida, e il cancelliere tedesco, Olaf Scholz. Anche il presidente iraniano, Ebrahim Raissi, è a New York per la sua prima Assemblea Generale, e la questione nucleare potrebbe essere ancora una volta al centro delle discussioni. Ma ci sono assenti di rilievo: primi fra tutti, il presidente russo, Vladimir Putin, e quello cinese, Xi Jinping.