HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Frontex, no del Parlamento europeo al bilancio 2020

Frontex, no del Parlamento europeo al bilancio 2020

Sottolineando le irregolarità emerse dal rapporto dell'Ufficio Europeo anti-frode, gli eurodeputati hanno deciso di non approvare il bilancio 2020 dell'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, coinvolta in 957 casi di respingimento illegale tra marzo 2020 e settembre 2021

dall’inviato a Strasburgo – Gli eurodeputati riuniti a Strasburgo hanno rifiutato di approvare il bilancio 2020 dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera Frontex. Nel testo che ha accompagnato la votazione, i parlamentari hanno voluto sottolineare “l’entità della colpa grave e delle altre irregolarità individuate” sotto il precedente direttore esecutivo dell’agenzia, Fabrice Leggeri, dimessosi lo scorso aprile a causa della pubblicazione di un rapporto dell’Ufficio Europeo anti-frode (Olaf) che ha fatto luce sulle violazioni di diritti umani perpetrate ai danni dei migranti con la complicità dell’agenzia europea.

Sarebbero 957 i casi di respingimento illegale in cui Frontex è stata coinvolta in modo attivo o passivo tra marzo 2020 a settembre 2021. “Frontex non è riuscita a proteggere i diritti dei migranti e dei richiedenti asilo”, affermano nel testo gli eurodeputati, che esprimono i propri timori in particolare sulla situazione attuale in Ungheria e in Grecia, dove chiedono di sospendere il sostegno che l’agenzia sta garantendo a operazioni di rimpatrio e respingimenti illegali.

Frontex è bersaglio di critiche anche per alcuni episodi di violenza interni all’agenzia stessa: dall’aula di Strasburgo emerge “sconcerto e profonda preoccupazione per il caso di suicidio di un membro del personale, connesso a 17 presunte pratiche di molestia sessuale segnalate nel 2020”.

L’ex direttore esecutivo Leggeri è stato nel frattempo sostituito da una direttrice esecutiva a interim, la lettone Aija Kalnaja: il Parlamento ha accolto con favore la sua nomina e si mostra fiducioso per “le azioni correttive già intraprese o previste e i cambiamenti positivi in materia di diritti fondamentali”.

ARTICOLI CORRELATI