Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Coronavirus Recovery plan Conferenza Futuro Allargamento UE
Baldassarre (Fi): Barroso ha criticato Italia in riunione del Ppe

Baldassarre (Fi): Barroso ha criticato Italia in riunione del Ppe

Il capogruppo della delegazione di Forza Italia a Strasburgo: “Ha criticato la scarsità delle riforme per crisi e debito pubblico”. Il portavoce del Presidente: “Sarei sorpreso se lo avesse fatto”

Il capogruppo della delegazione di Forza Italia a Strasburgo: “Ha parlato di scarsità delle riforme per crisi e debito pubblico”. Il portavoce del Presidente: “Sarei sorpreso se lo avesse fatto” Discussion between Enrico Letta, Italian Prime Minister, and José Manuel Barroso (in the foreground, from left to right)

dall’inviato a Strasburgo Alfonso Bianchi

José Manuel Barroso non sarebbe soddisfatto di come l’Italia sta mettendo in ordine i suoi conti pubblici e per questo il Presidente della Commissione europea avrebbe condiviso le sue perplessità con i colleghi del Partito popolare europeo a Strasburgo, in una riunione del gruppo a porte chiuso. È quanto ha raccontato il capogruppo della delegazione italiana di Forza Italia, Raffaele Baldassarre, secondo cui il Presidente avrebbe affermato che i persistenti problemi del nostro Paese e la mancanza di crescita sarebbero dovuti alla “scarsità delle riforme per uscire dalla crisi e dalla mancanza di coraggio sulla questione del debito pubblico”.

Nella conferenza stampa di Forza Italia a Strasburgo Baldassarre ha sottolineato che già nel suo discorso in Aula Barroso, parlando dei Paesi che stanno uscendo dalla crisi, “non ha detto niente sull’Italia”, mentre ha riconosciuto che c’è “crescita in Spagna, Irlanda, Lettonia e Portogallo”. Una omissione questa “molto significativa” e a suo avviso una conseguenza del fatto che a Roma “non si fanno riforme e c’è un debito pubblico enorme che il Governo fa finta di non vedere e con cui preferisce non confrontarsi”.

Su questa ricostruzione però non arrivano le conferme dell’esecutivo comunitario, interrogato sul tema delle critiche all’Italia, il portavoce dei Barroso, Olivier Bailly, ha risposto: “Sarei molto sorpreso se avesse detto una cosa del genere” per questo “verificherò se è stato riportato correttamente quanto ha detto”. Ai giornalisti italiani Bailly ha detto: “Sapete cosa continua a ripetere lui (Barroso, ndr) sul governo e sugli italiani, che sono stati molto ‘supportive’ nei mesi scorsi”.

ARTICOLI CORRELATI

Accordo tra Consiglio e Parlamento per stoccaggi di gas pieni al 90 per cento prima dell'inverno
Green Economy

Accordo tra Consiglio e Parlamento per stoccaggi di gas pieni al 90 per cento prima dell'inverno

Obiettivi comuni di riempimento delle riserve prima di ogni inverno almeno fino al 2025, per scongiurare crisi di approvvigionamento. Alla Commissione Europea richiesto un meccanismo (volontario) per l'approvvigionamento congiunto di gas, per ottenere prezzi più bassi sugli ordini di grandi dimensioni ma anche per scongiurare concorrenza tra Stati sulle forniture
RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo
Economia

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo

Nuovi obiettivi su efficienza energetica e rinnovabili, spinta su idrogeno e biometano ma anche acquisti congiunti di gas e obbligo per gli Stati membri di installare sui tetti degli edifici pannelli solari, gradualmente tra il 2026 e il 2029. Bruxelles stima che per liberarsi dalle importazioni russe al più tardi entro il 2027 serviranno investimenti aggiuntivi per 210 miliardi
Idrogeno verde e pannelli solari, il piano UE per dire addio ai combustibili fossili russi entro il 2027
Politica

Idrogeno verde e pannelli solari, il piano UE per dire addio ai combustibili fossili russi entro il 2027

La Commissione Europea è pronta a svelare i dettagli del piano 'RepowerEu' con cui intende uscire rapidamente dalla dipendenza dal gas russo e puntare sulle energie rinnovabili per accelerare la transizione verde. Attese misure contro il caro energia, come la possibilità per i governi di fissare un tetto temporaneo al prezzo del gas in caso di shock per la sicurezza di approvvigionamento