Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina NATO Coronavirus Recovery plan Conferenza Futuro Allargamento UE
Asilo: cosa dice l'articolo 78 (comma 3) del Trattato sul funzionamento dell'Unione
Profughi siriani in fuga dalla guerra verso il Kurdistan irakeno © UNHCR

Asilo: cosa dice l'articolo 78 (comma 3) del Trattato sul funzionamento dell'Unione

Non è prevista esplicitamente alcuna "ricollocazione" di profughi, e sulle "misure temporanee a beneficio" degli Stati in difficoltà decide il Consiglio europeo (cioè i governi)

Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (versione consolidata)

Articolo 78

(ex articolo 63, punti 1 e 2, e articolo 64, paragrafo 2, del TCE)

1. L’Unione sviluppa una politica comune in materia di asilo, di protezione sussidiaria e di protezione temporanea, volta a offrire uno status appropriato a qualsiasi cittadino di un paese terzo che necessita di protezione internazionale e a garantire il rispetto del principio di non respingimento. Detta politica deve essere conforme alla convenzione di Ginevra del 28 luglio 1951 e al protocollo del 31 gennaio 1967 relativi allo status dei rifugiati, e agli altri trattati pertinenti.

2. Ai fini del paragrafo 1, il Parlamento europeo e il Consiglio, deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria, adottano le misure relative a un sistema europeo comune di asilo che includa:

a) uno status uniforme in materia di asilo a favore di cittadini di paesi terzi, valido in tutta l’Unione;

b) uno status uniforme in materia di protezione sussidiaria per i cittadini di paesi terzi che, pur senza il beneficio dell’asilo europeo, necessitano di protezione internazionale;

c) un sistema comune volto alla protezione temporanea degli sfollati in caso di afflusso massiccio;

d) procedure comuni per l’ottenimento e la perdita dello status uniforme in materia di asilo o di protezione sussidiaria;

e) criteri e meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l’esame di una domanda d’asilo o di protezione sussidiaria;

f) norme concernenti le condizioni di accoglienza dei richiedenti asilo o protezione sussidiaria;

g) il partenariato e la cooperazione con paesi terzi per gestire i flussi di richiedenti asilo o protezione sussidiaria o temporanea.

3. Qualora uno o più Stati membri debbano affrontare una situazione di emergenza caratterizzata da un afflusso improvviso di cittadini di paesi terzi, il Consiglio, su proposta della Commissione, può adottare misure temporanee a beneficio dello Stato membro o degli Stati membri interessati. Esso delibera previa consultazione del Parlamento europeo.

Avanti nel segno della sostenibilità, pubblicata la nuova edizione dell'Integrated Report di Philip Morris
Cronaca

Avanti nel segno della sostenibilità, pubblicata la nuova edizione dell'Integrated Report di Philip Morris

Nuovi parametri per misurare i progressi ambientali, sociali e di governance (ESG) e introduzione dell’Indice di Sostenibilità come parametro di valutazione della performance aziendale che collega il 30% della remunerazione direttamente ad obiettivi di sostenibilità. Italia centrale in questo cammino, dall’uso responsabile della risorsa idrica, alla digitalizzazione e innovazione della filiera agricola