Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Bruxelles ha il suo Grifone con il Genoa Club

Bruxelles ha il suo Grifone con il Genoa Club "Franco Scoglio"

Dal 2012 passione e filosofia genoana inondano la capitale belga e dell'Ue, e adesso il gruppo si rinnova

“Nel momento di difficoltà il vero tifoso si fa vedere. E’ la nostra filosofia, e siamo orgogliosi di essere così”. Così, vale a dire rosso-blu. Alessandro, segretario del Genoa Club di Bruxelles, non lo dice. Perchè è risaputo che a Genova il cuore batte rosso-blu. Così vi diranno i tifosi del Genoa, almeno. I tifosi doriani, invece, vi diranno altro. “Mah, la cosa migliore è l’indifferenza…”, dice quando parliamo di Sampdoria. Eppure, ironia della sorte, è dalla Sampdoria che trae origine il Genoa Club di Bruxelles. Il club è nato il 18 novembre 2012, al termine del derby vinto 3-1 dagli “odiati” rivali. “Quello fu il punto più basso della nostra storia recente, non tanto per il derby quanto perché eravamo ultimi in classifica e perdemmo anche il derby, oltretutto anche con un autogol…”, ricorda Alessandro. Ma da quella sconfitta nacque la voglia di stringersi ancora di più a attorno a una squadra allora in difficoltà, e quel gruppetto di cinque persone decise di dare vita al club, intitolato a Franco Scoglio, mai dimenticato tecnico genoano stroncato troppo presto da un infarto. “Scoglio non era di Genova, anzi con Genova aveva poco a che vedere. Divenne genoano, ma veniva da Messina”. Per tutti, nella Genova rosso-blu, Scoglio “era un esempio di genoanità dura e pura”. Significa che non mollava mai, come i sostenitori genoani. “Giù a testa bassa, soprattutto davanti alle difficoltà”. Ma per i genoani a Bruxelles Scoglio non è solo tenacia, è anche lontananza. Nella parabola dell’emigrante Scoglio è uno dei tanti specchi dove ci si rivede. “Scoglio era messinese, e per noi italiani all’estero è più forte l’idea che la fede calcistica non debba essere per forza un forma di campanilismo”.

Un gruppetto di tifosi del Club
Un gruppetto di tifosi del Club

Voglia di tifare la propria squadra del cuore, voglia di sentire a casa, partenze e forse ritorni. Bruxelles è tutto questo anche per il Genoa Club Bruxelles Franco Scoglio, che tuttavia conserva una natura “non ufficiale”. Il club non è nel circuito dei circoli genoani, centrale, centralissimo. Fino a pochi mesi fa si riuniva a Saint-Gery, da settembre probabilmente cambierà casa. “Alcune delle persone che erano con noi, e noi non siamo tantissimi, sono andate via”, spiega il segretario. Ora si cercano nuove leve e l’Europa potrebbe essere un bacino d’utenza. Ci sono amici belgi e non italiani che “ci hanno chiesto di convertirli alla fede genoana”, scherza Alessandro. Si tratta delle conoscenze coltivate qui che si portano per passare del tempo assieme. E poi c’è la pagina Facebook del club, che attira curiosi e tifosi. Ma oggi il Genoa Club Bruxells Franco Scoglio è un cantiere aperto: c’è da eleggere il nuovo presidente, e stabilire dove ospitare la nuova sede. Ci si rinnova in vista della nuova stagione, che promette un gemellaggio con il Genoa Club Amsterdam. “Ho un amico lì, e abbiamo pensato di fare qualcosa assieme”. Il futuro del Genoa è carico di prospettive, e certamente farà parlare di sé. Per ora ne parlano i doriani, visto che loro sono più numerosi mentre i genoani sono pochi. “Va bene così”, sorride Alessandro. “I sampdoriani stanno bene solo fuori Genova…”.

Gli altri club a Bruxelles

– Il Roma Club “Bruxelles Ahò?!”: non ufficiale, per ospitare tutti

– Il club del Toro cresce e viaggia in Italia

– Col club Viola il Franchi è a Bruxelles: “Montella, riportaci in Europa”

– Col Club Napoli il simbolo di Bruxelles diventa ‘O Ciucckepiss

– Lo Juve Club di Bruxelles… e la voglia di conoscere Torino

– Inter club Europa: sede con la Juve, e al derby ospiti milanisti

 Dal 2008 “La ruota” di Genova è a Schaerbeek, con il Sampdoria Club Bruxelles Europa

 Bruxelles “riscopre” la Lazio con il club ‘Luigi Bigiarelli’

– Il Bologna club di Bruxelles: tanto Rossoblu da dimenticare il nome nel logo

ARTICOLI CORRELATI