Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina NATO Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Ttip, come hanno votato i deputati europei sulle raccomandazioni
Il voto in aula - foto Parlamento Ue

Ttip, come hanno votato i deputati europei sulle raccomandazioni

Tutti i partiti hanno votato in modo compatto, tranne i socialisti, dove in 56 hanno detto “no” al partenariato con gli Usa. Fra questi i Pd Briano, Panzeri e Viotti, oltre agli ex Cofferati e Schlein

Bruxelles – Ieri il Parlamento europeo ha approvato con 436 voti favorevoli, 241 contrari e 32 astenuti la risoluzione Lange sul trattato di libero scambio tra Europa e Stati Uniti, il Ttip. In linea generale, i gruppi politici sono rimasti compatti durante la votazione, ma non sono mancati i deputati che hanno deciso di andare controcorrente e non seguire la linea dettata dal partito.

I socialisti S&D sono di gran lunga il gruppo all’interno del quale si sono palesati il maggior numero di voti contrari alla posizione ufficiale. Ben 56 europarlamentari non hanno approvato la risoluzione redatta dal compagno di partito Bernd Lange. Fra questi spiccano i Pd Renata Briano, Pier Antonio Panzeri e Daniele Viotti, insieme agli ormai ex Pd Sergio Cofferati ed Elly Schlein. Hanno votato “no” in maniera compatta anche le delegazioni belghe, francesi e britanniche, con l’unica eccezione dell’inglese David Martin, membro della Commissione Commercio internazionale come Lange.

Qualche ribellione isolata c’è stata anche fra gli altri partiti dell’emiciclo. Se i Verdi, la Sinistra unitaria-Gue e il neonato gruppo Enf di Marine Le Pen e Matteo Salvini hanno votato “no” al Ttip in maniera compatta, nel partito popolare Ppe i belgi Rolin e Arimont, come i loro connazionali socialisti, non hanno appoggiato la relazione sul trattato transatlantico. Situazione identica anche nell’eterogeneo gruppo degli euroscettici Efdd, dove, se i deputati del Movimento 5 Stelle e del Ukip di Nigel Farage si sono opposti al Ttip, gli svedesi Winberg e Lundgren hanno invece detto “sì” al partenariato con gli Usa. Persino all’interno dei liberali dell’Alde un deputato, il francese Arthius, ha deciso di non seguire la linea del partito votando in modo contrario al Ttip, mentre fra i conservatori del Ecr (nuovo gruppo di Raffaele Fitto dopo l’abbandono di Forza Italia) hanno votato “no” i tedeschi Von Storch, Pretzell, e il greco Marias.

Politica

"Ripotenziare" l'UE, parte la presidenza della Repubblica ceca alla prova della sicurezza energetica dell'Europa

"Contiamo su Praga per la rapida adozione del REPowerEU", il piano da 300 miliardi per affrancare gli Stati membri Ue dalla dipendenza energetica dalla Russia. Von der Leyen a Litomyšl al fianco del primo ministro ceco, Petr Fiala, lancia l'avvio del semestre di Praga e annuncia "a metà luglio" il piano per la riduzione della domanda di energia