HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Primo ministro francese Philippe: migranti, i nostri porti hanno un ruolo da giocare
Edouard Philippe con Jean-Claude Juncker

Primo ministro francese Philippe: migranti, i nostri porti hanno un ruolo da giocare

"La Francia rispetta i suoi doveri e il diritto internazionale per quanto riguarda le persone in pericolo, che hanno bisogno di soccorso su delle barche"

Bruxelles – La Francia rispetta il diritto internazionale e i porti francesi avranno “un ruolo da giocare” nel quadro delle decisioni che saranno prese nei prossimi vertici europei. Lo assicura il primo ministro francese Edouard Philippe rispondendo ad una domanda dei giornalisti al termine di un incontro con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker a Bruxelles.

“La Francia è una potenza mediterranea e non può rinunciare alla sua storia, alla sua geografia e alle sue ambizioni – ha esordito Philippe – . I porti francesi hanno tutto il loro ruolo da giocare all’interno dei dispositivi che saranno discussi e magari adottati”, ha aggiunto riferendosi ai prossimi vertici dei capi di Stato e di governo dell’Ue di domenica e della prossima settimana.

“Abbiamo detto che la Francia rispetta i suoi doveri e il diritto internazionale per quanto riguarda le persone in pericolo, che hanno bisogno di soccorso su delle barche. Il diritto internazionale – ha sottolineato – non è un accessorio, le obbligazioni internazionali, in particolare in questa materia, devono essere strettamente rispettate e la Francia lo farà”.

ARTICOLI CORRELATI

Meloni si prepara al Consiglio Ue straordinario: Flessibilità risorse e fondo sovrano
Politica

Meloni si prepara al Consiglio Ue straordinario: Flessibilità risorse e fondo sovrano

Prudenza sulla modifica del regime degli aiuti di Stato, perseveranza nel dialogo transatlantico e flessibilità sull'uso delle risorse esistenti. E' la ricetta che Giorgia Meloni porta al Consiglio Ue straordinario domani e venerdì 10 febbraio per tamponare le ricadute dell'Inflation Reduction Act statunitense sull'Europa. L'attenzione di Roma è a evitare che si creino fratture e divari all'interno del mercato unico