HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Brexit, si cerca intesa su future relazioni. Londra pronta a piani d'emergenza

Brexit, si cerca intesa su future relazioni. Londra pronta a piani d'emergenza

Nuovo round negoziale a Bruxelles per cercare passi avanti che appaiono lontani sul post-abbandono. La Commissione bacchetta il governo May: "Noi disponibili fin dal primo giorno"

Bruxelles – Si tenta il tutto per tutto, si vuole evitare il peggio, però ormai da ogni parte il peggio è sul tavolo. Il Regno Unito dovrebbe pubblicare questo giovedì i piani d’emergenza (contingency plan) nel caso in cui i negoziati con l’Unione europea dovessero giungere a un nulla di fatto e lasciare Londra senza nuovi accordi commerciali per il post-Brexit. Oggi si apre nella capitale dell’Ue un nuovo round negoziale, guidato dal segretario britannico per la Brexit, Dominic Raab. Le relazioni future tra i britannici e gli altri europei sono il piatto forte degli incontri, il cui esito è tutto da vedere.

A Bruxelles “sin da primo giorno” c’è sempre stata voglia di trovare un accordo di Brexit e nuove relazioni, assicura il portavoce dell’esecutivo comunitario, Alexander Winterstein, che muove implicite critiche al Regno Unito e al governo di Theresa May per i ritardi e l’assenza di progressi sul fronte negoziale. “Il capo negoziatore è sempre stato disponibile sin dal primo giorno, e questo atteggiamento non è cambiato” nel corso del tempo. Se dunque non si è ancora scritta la parola ‘fine’ ai negoziati evidentemente è per responsabilità d’oltre Manica. “Il nostro team è stato, è e sarà a completa disposizione ogni giorno”.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio