HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Torna Berlusconi:

Torna Berlusconi: "Mi candido alle europee"

"In campo per fermare questo governo" e pensare "al futuro del mondo"

Bruxelles – Il collegio è ancora da decidere, ma è un dettaglio: Silvio Berlusconi torna in campo e sarà candidato alle prossime elezioni europee. Ma con una prospettiva di lavoro principalmente nazionale. “In campo per fermare questo governo dove una parte è rappresentata dal Movimento Cinquestelle, guidato da persone con nessuna esperienza e nessuna competenza. Sono come quei signori della sinistra comunista del ’94, in più hanno questo grande difetto”, ha annunciato l’ex premier, durante la campagna elettorale in Sardegna per le amministrative.

Il fondatore di Forza Italia ha oramai 82 anni, e pensa di poter dare un contributo di esperienza decisivo per risolvere i problemi globali. “Alla bella età che ho, ho deciso per senso di responsabilità di andare in Europa, dove manca il pensiero profondo sul futuro del mondo”. Insomma l’Europa, l’Unione europea, non sembrano essere un punto focale del candidato alle prossime elezioni europee, che è molto preoccupato per il ruolo che giocherà in futuro la Cina. Berlusconi assicura che “con la mia conoscenza, le mie esperienze e la mia capacità di convincere penso di poter svolgere un ruolo importante, e far capire ai cittadini europei che rischiamo di allontanarci dai valori occidentali”, e di essere “dominati da un impero cinese che ha delle convinzioni e dei valori opposti ai nostri”.

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio