HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Johnson, oramai in netta minoranza, punta a elezioni il 15 ottobre
Boris Johnson e Theresa May

Johnson, oramai in netta minoranza, punta a elezioni il 15 ottobre

Ma gli serve il voto dei laburisti, che lo appoggeranno solo se certi che la data di separazione dall'UE sarà rinviata. Ecco i numeri a Westminster

Bruxelles – In poche settimane Boris Johnson ha portato un colpo decisivo all’opera di disfacimento del partito conservatore britannico già iniziata da David Cameron e perseguita con successo da Theresa May, che chiamò delle disastrose elezioni anticipate due anni fa. Ieri sera, al primo voto parlamentare, è stato sconfitto per 27 voti, mentre poco prima aveva già perso l’unico deputato che gli garantiva la maggioranza parlamentare.

Dopo la sconfitta sulla mozione per il rinvio della data della Brexit il premier ha poi deciso di espellere (tra mille polemiche e contestazioni) i 21 parlamentari che hanno votato con le opposizioni, e dunque ora il suo governo è ancora più debole.

Tabella pubblicata dalla BBC sulla attuale distribuzione delle forze parlamentari a Westminster

Vista la situazione Johnson pensa di indire anche lui elezioni anticipate, il 15 ottobre, se la legge anti no deal sarà approvata oggi dalla Camera dei Comuni, ma per farlo ha bisogno della maggioranza di due terzi del parlamento, e dunque del voto dei laburisti, che si dicono disposti ad appoggiare la richiesta solo se avranno la garanzia che la data della Brexit fissata al 31 ottobre sarà rinviata, cosa che è nelle mani del governo, unico che può chiedere a Bruxelles un rinvio, che probabilmente, di fronte a elezioni anticipate da svolgersi ampiamente prima della fine di ottobre, sarebbe concesso.

ARTICOLI CORRELATI