HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Nell'UE resta invariata la popolazione colpita da inquinamento, cala in Italia

Nell'UE resta invariata la popolazione colpita da inquinamento, cala in Italia

Lo certificano i dati Eurostat. Tra il 2012 e il 2017 colpito sempre attorno al 14% dei cittadini dell'Unione europea. Nello stesso periodo in Italia è sceso dal 17,2% all'11,9%

Bruxelles – Nel 2017 circa il 14% degli abitanti dell’Unione europea denunciavano i disagi provocati nei loro Paesi da inquinamento, sporcizia e altri problemi ambientali. Si tratta di oltre 71 milioni di persone in tutto il territorio dell’UE a vivere in condizioni malsane. Lo rileva Eurostat nei dati diffusi oggi, da cui emergono i progressi italiani.

La situazione varia da Paese a Paese. Stando ai dati, nel 2017 la popolazione di Malta risulta la più colpita dall’inquinamento ambientale (26,5%), prima di Germania (24,5%) e Grecia (20,3%). A lamentare i danni provocati da un ambiente insalubre anche gli abitanti di Lussemburgo, Lettonia e Slovenia. Non mancano eccezioni: in Finlandia, Danimarca, Svezia e Croazia, solo tra il 6% e l’8% dei cittadini dichiarava di vivere in aree poco pulite.

Analizzando l’andamento del problema nell’arco di tempo compreso tra 2008 e 2018, il dato Eurostat rende più evidenti i contrasti tra singoli Paesi dell’Unione. In Bulgaria, nel 2008, il 20,6% della popolazione soffriva le difficoltà connesse all’inquinamento; dieci anni dopo la percentuale è scesa a 14,1%.

In Italia nello stesso lasso temporale si è passati dal 20,7% all’11,7% degli abitanti interessati al disagio, percentuale che si riduce ancora di più se riferita al singolo anziano di 65 anni o più (11,3%). Il dato salta ancor più agli occhi se posto in relazione al singolo adulto con figlio: dal 25% di piccoli nuclei familiari esposti ad agenti inquinanti nel 2009, si scende al 9,8 nel 2018, con una decrescita sensibile tra 2015 e 2018 (dove si passa dal 16,9% al 9,8%).

Il dato italiano assume un significato rilevante se raffrontato all’andamento complessivo dell’UE. Dal 2012 al 2017 la fascia di popolazione a contatto con fonti di inquinamento è rimasta sempre attorno al 14%, con lievi variazioni percentuali in un senso o nell’altro. Nella Penisola, invece, il dato ha visto una progressiva e continua diminuzione.

A confermare il cambiamento positivo in Italia è l’ultimo rapporto, pubblicato quest’anno, dall’Agenzia europea per l’ambiente (EEA), in collaborazione coi Paesi membri dell’Ue e alla Commissione europea. Il report illustra come l’emissione di sostanze inquinanti, in Italia, sia diminuita del 91% tra il 2008 e il 2016. Gli agenti tossici cui lo studio fa riferimento sono prevalentemente i composti dello zolfo e del carbonio.

Uscendo dall’Italia, sembra essere la Grecia la più altalenante, con il 45,7% dei cittadini interessati dal problema cresciuto rispetto al 2009 (34,3%) e poi ‘rientrato’ nel 2018 (24%). Un miglioramento progressivo è avvenuto, invece, in Belgio, dove il 25,4% della popolazione denunciava la sporcizia del territorio nel 2009. Nove anni dopo, la percentuale è scesa al 17,2%. 

ARTICOLI CORRELATI