HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Lavoro, agli Europei piace il pubblico impiego. Quasi nessuno in agricoltura

Lavoro, agli Europei piace il pubblico impiego. Quasi nessuno in agricoltura

I dati Eurostat mostrano dove vanno a lavorare i 232 milioni di cittadini dell'UE con un posto. Nel 2016 la pubblica amministrazione il settore con più occupati. Solo il 4,5% lavora la terra. L'Italia non fa eccezione. Il turismo una manna per il Sud

Bruxelles – Tra agricoltura, industria, edilizia, pubblica amministrazione, finanza e assicurazioni, commercio al dettaglio e trasporti, in Europa ci sono qualcosa come 232 milioni di persone con un lavoro specializzato. E’ quanto emerge dai dati Eurostat diffusi oggi, e riferiti al 2016.

Il maggior numero di europei trova una sistemazione nel settore pubblico. Tra difesa,  sicurezza, assistenza sociale, istruzione, sanità e cultura, complessivamente la pubblica amministrazione è fonte di lavoro per il 29,7% degli europei (69,1 milioni di persone), più del settore comprendente commercio al dettaglio, trasporti, alloggio e ristorazione, comunicazone (27,7%, pari a 64,4 milioni di europei), e dei servizi finanziari (16,4%, pari a 38,1 milioni).

Mentre il settore economico con il minor tasso di occupazione nell’Ue è quello agricolo. Qui risulta attivo il 4,5% della forza lavoro (10,4 milioni di persone), nonostante i tanti aiuti dati al settore dall’Unione europea.

L’Italia non fa eccezione. Nel 2016 dei 24,8 milioni di italiani in attività lavorativa più di un quarto (7,3 milioni) risultava impiegata nel settore pubblico, mentre meno del 4% degli aventi lavoro si trovata nel settore primario (920mila). Con più della metà degli addetti al settore industriale al nord (2,6 milioni su quasi 4,2 milioni) e appena il 14% concentrato nel Mezziogiorno, al Sud la principale fonte di guadagni dopo il posto pubblico (1,4 milioni) rimane il turismo, con le domande di ristorazione e alloggi che ne derivano (1,3 milioni). Insieme questi due settori rappresentano più del 50% degli attivi di tutte le regioni meridionali, comprese le isole maggiori.

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”